Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucciso al luna park a Torre del Greco: respinta la scarcerazione dei minori

Lunedì 23 Maggio 2022
Ucciso al luna park a Torre del Greco: respinta la scarcerazione dei minori

Restano in carcere i due quindicenni di Torre Annunziata accusati di avere ammazzato Giovanni Guarino, il diciannovenne di Torre del Greco ucciso con una coltellata al cuore al culmine di una lite per futili motivi avvenuta lo scorso 10 aprile a ridosso di un luna park allestito nel quartiere di Leopardi. È la decisione presa dal tribunale del Riesame, che ha respinto la richiesta di scarcerazione avanzata dal legale dei due ragazzi, l'avvocato Mauro Porcelli. Stando a quanto si apprende dallo stesso legale, entrambi i minori «hanno ribadito a gran voce la loro innocenza. Il tribunale per i minorenni ha, per il momento, confermato l'ordinanza, ma noi continuiamo a fare il nostro lavoro e ad essere fiduciosi, oggi più che mai, soprattutto alla luce delle numerosissime incongruenze che sono emerse dalla lettura degli atti di indagine».

Stando sempre alla difesa dei due indagati «i soggetti presenti, sia il ferito che il presunto testimone oculare, hanno totalmente cambiato la loro originaria versione dei fatti e tra le loro nuove dichiarazioni sono emerse delle inconciliabili incompatibilità che fanno comprendere come gli inquirenti siano davvero assai lontani dalla verità. L'attività difensiva non si ferma: abbiamo già predisposto numerose indagini investigative che prevedono la nomina di consulenti tecnici, tra cui medici legali, e si è provveduto a sollecitare in più occasioni il pubblico ministero affinché vengano effettuati numerosi approfondimenti ed integrazioni d'indagine, con richiesta di riesumazione della salma e di visite sulla persona del soggetto ferito, proprio alla luce delle citate contraddizioni».

 

In attesa della motivazione rispetto alla decisione del Riesame, l'avvocato Mauro Porcelli preannuncia l'intenzione di ricorrere per Cassazione avverso il provvedimento odierno. Proprio ieri poi Giovanni Guarino avrebbe compiuto 19 anni: una circostanza che parenti e amici hanno voluto evidenziare organizzando una fiaccolata per le strade del centro di Torre del Greco alla quale hanno partecipato circa 400 persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA