Ultrà ucciso prima di Inter-Napoli, l'assassino napoletano condannato a 4 anni di carcere

Lunedì 30 Novembre 2020

L'omicidio non è stato volontario, ma legato alla violazione delle norme sulla circolazione stradale: la posizione di Fabio Manduca cambia in modo sensibile nella decisione del gup di Milano Carlo Ottone De Marchi, che ha condannato l'ultrà napoletano con rito abbreviato a 4 anni di reclusione per aver investito a morte con un suv l'ultrà del Varese Davide Belardinelli durante gli scontri fra tifoserie poco lontano da San Siro, prima della partita tra Inter e Napoli del 26 dicembre 2018.

La sentenza di primo grado smonta la tesi dei pm Rosaria Stagnaro e Michela Bordieri, che avevano chiesto una pena di 16 anni, e «sorprende» i famigliari di Belardinelli. «Il giudice ha trasformato l'accusa da omicidio volontario in stradale come se fosse un incidente del sabato sera», il commento dell'avvocato Gianmarco Beraldo, legale della mamma dell'ultrà del Varese morto a 39 anni. Per lei e le altre due parti civili, la moglie e la figlia maggiorenne dell'uomo, il gup ha disposto una liquidazione con 80mila euro in via provvisionale. I pm valuteranno l'appello una volta lette le motivazioni, attese fra quindici giorni. È chiaro però che il gup non ha accolto la loro tesi dell'omicidio volontario col cosiddetto dolo eventuale, sposata dal gip che un anno fa ordinò l'arresto di Manduca e poi dal Tribunale del Riesame. Era sostenuta anche da una consulenza tecnica secondo cui Belardinelli, che aveva assunto cocaina, all'inizio della guerriglia in cui gli ultrà varesini erano al fianco degli interisti, colpì con un bastone il finestrino di un'auto in testa alla carovana dei napoletani, cadde rompendosi una clavicola e fu schiacciato dal Kadjar guidato da Manduca, con altri quattro a bordo.

«Sono solo fuggito spaventato perché intorno all'auto avevo una trentina di persone. Se ho investito qualcuno, non me ne sono accorto», si era giustificato Manduca, 40 anni, difeso dall'avvocato Eugenio Briatico. Alla fine il giudice ha derubricato il fatto a omicidio stradale, pena prevista da 2 a 7 anni. È stata ovviamente ritirata la patente a Manduca, da dicembre 2019 ai domiciliari, con il permesso di uscire per lavorare come autista in un'agenzia di pompe funebri.

«La sentenza ha quanto meno dimostrato che non c'era volontarietà - ha detto soddisfatto Briatico - Manduca ha già scontato 17 mesi. Decideremo se chiedere una modifica della misura dei domiciliari e se fare l'appello per l'assoluzione definitiva».

Non sono molto più basse le altre condanne per rissa e lesioni personali fin qui arrivate (in appello) legate a quegli scontri: vanno dai 3 anni ai 3 anni e 10 mesi quelle per l'ultrà del Varese Alessandro Martinoli e gli esponenti della curva interista Marco Piovella, Francesco Baj, Simone Tira e Nino Ciccarelli che, dopo la sentenza su Manduca, sui social ha pubblicato una foto di Belardinelli e il messaggio «Dede sempre con noi».

Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 07:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA