Università Federico II, Triassi presidente Scuola medicina e chirurgia

Lunedì 16 Novembre 2020

Maria Triassi è il nuovo Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia della Federico II di Napoli. Triassi (direttore del Dipartimento di Sanità Pubblica, Farmacoutilizzazione e Dermatologia della Federico II di Napoli e prima donna a ricoprire l'incarico di Presidente) succede a Luigi Califano. «Un lavoro encomiabile, quello di Califano - sottolinea Triassi - nel solco del quale intendiamo portare avanti il nostro mondato. Nei prossimi anni ci attende un lavoro difficile e intenso per governare la Scuola in un contesto reso molto più arduo dalla pandemia, ma sono certa che riusciremo ad andare avanti bene e nel segno della continuità». Diversi gli obiettivi che Triassi si pone per il suo mandato, mantenendo l'autonomia che ha sempre contraddistinto il proprio operato, ma con una grande apertura nell'accogliere qualunque idea o proposta migliorativa nell'interesse della Scuola. «Indispensabile - dice Triassi - l'ottimizzazione dei rapporti istituzionali con l'Ateneo e con la Direzione Strategica dell'Azienda, con l'obiettivo di colmare le carenze di organico e di risorse con le quali quotidianamente facciamo i conti».

«Ritengo assolutamente necessario, di concerto con gli Organi Accademici, tentare una ridefinizione della integrazione tra Dipartimenti universitari e azienda per l'acquisizione di risorse - afferma - In questo modo sarà possibile evitare che le carenze assistenziali vadano a sacrificare anche l'attività scientifica che negli anni a venire va invece fortemente potenziata». Per la neo eletta, la nuova Scuola dovrà anche «impegnarsi nel richiedere risorse straordinarie al Miur o attraverso fondi europei per interventi straordinari di ristrutturazione, ammodernamento tecnologico e ridefinizione di percorsi: sarà difficile ma ci dobbiamo provare». «Quando questo momento emergenziale sarà finito, faremo i conti con la concorrenza tra Atenei stessi e con le Università telematiche - aggiunge - È necessario un forte ammodernamento della didattica, anche con l'uso di nuove tecnologie di cui in parte la Scuola di Medicina si è già dotata, ma soprattutto valorizzando, durante le lezioni, le interattività con gli studenti e valorizzando tirocini e attività pratiche». «Sarà necessario anche mettere a punto strumenti di valutazione dell'efficacia della formazione - conclude - i professionisti che formiamo devono essere veramente in grado di essere eccellenti e pronti per il lavoro»

© RIPRODUZIONE RISERVATA