VINCENZO DE LUCA

Vaccini bambini 5-11 anni, primo giorno in Campania ma solo quattromila adesioni

Giovedì 16 Dicembre 2021 di Maria Chiara Aulisio
Vaccini bambini 5-11 anni, primo giorno in Campania ma solo quattromila adesioni

Inutile ragionare circa il numero di adesioni registrate sulla piattaforma regionale: rispetto a una platea di 380mila baby candidati al vaccino anti Covid, i bambini prenotati - almeno fino a ieri sera - non arrivano neanche a quattromila. Dati da flop assoluto se si valutassero solo ed esclusivamente questi numeri. In realtà non è così: bisognerà aspettare la fine della giornata di oggi per tirare le somme e stabilire se - e soprattutto in quale misura - le mamme e i papà napoletani hanno accompagnato i propri figli negli hub. Come è noto l’adesione non è vincolante: chiunque, adulti e bambini, potrà andare a vaccinarsi senza alcuna prenotazione. Bastano tessera sanitaria e documento di identità.

Tutto pronto alla Mostra d’Oltremare dove qualche ora fa è arrivato il carico di Pfizer destinato ai più piccoli. Medici e infermieri sono in attesa di accogliere i bambini - nella fascia di età dai 5 agli 11 anni - che da questa mattina potranno immunizzarsi: nell’area di accoglienza è già stato allestito un parco giochi dove i piccoli potranno intrattenersi, grazie alla presenza di animatori, in attesa che arrivi il loro turno. Attenzione: almeno per il momento i percorsi vaccinali di grandi e piccini rimarranno separati. L’obiettivo è quello di fare in modo che la vaccinazione venga intesa come un momento quasi di “gioco” da vivere senza stress e paura. Intanto, sempre questa mattina, presso l’istituto comprensivo Vittorino da Feltre di San Giovanni a Teduccio, nella zona orientale, sarà accessibile l’hub vaccinale allestito nella palestra dell’istituto, in via Sorrento, nel cuore del rione Villa. Il dirigente ha messo a disposizione gli spazi non solo per i propri studenti, ma anche per quelli di altre scuole della zona che vorranno cogliere l’opportunità di vaccinarsi senza allontanarsi troppo. Sono giorni, infatti, che Valeria Pirone è in attività per organizzare l’accoglienza. Si cercherà di offrire ai bambini le condizioni migliori per sottoporsi al vaccino e, soprattutto, evitare tempi di attesa. Al momento la scuola coordinata dalla professoressa Pirone è l’unica ad aver accettato l’invito della Asl a mettere a disposizione la struttura per immunizzare gli scolari. Nei prossimi giorni ad aderire potrebbero essere anche altri capi di istituto. 

Video

Proprio in questo istituto il presidente della Regione, Vincenzo De Luca, ha deciso di assistere alle prime vaccinazioni. Il governatore, nei giorni scorsi, aveva anche lanciato un appello ai genitori chiedendo “di avere fiducia, non nei responsabili politici ma nei primari di pediatria del Bambin Gesù, del Santobono e del Gaslini”. De Luca aveva anche provato a rassicurare le famiglie spiegando che il vaccino anti Covid deve essere considerato alla stregua di quello contro la poliomielite o contro il tetano.

Partiamo dall’hub di Fuorigrotta: nel primo giorno di campagna anti Covid - e lo stesso varrà anche per sabato - la Mostra sarà aperta dalle 9 alle 18. Venerdì 17, invece, dalle 14 e fino alle 18. Orari - vale la pena ribadirlo - in cui avranno accesso solo ed esclusivamente i bambini. Gli adulti, nel rispetto di questo calendario, potranno vaccinarsi venerdì mattina fino alle 14. Poi l’accesso sarà consentito solo a chi non ha più di 11 anni, naturalmente accompagnato da un genitore. Via libera anche nei centri vaccinali pediatrici presso i Distretti sanitari di base. Anche in questo caso oggi l’orario di apertura sarà dalle 9 alle 18. Successivamente - dal lunedì al venerdì - dalle 14 alle 20, mentre il sabato solo dalle 9 alle 14. Il vaccino - fa sapere l’Asl Napoli 1 - potrà anche essere somministrato presso gli studi dei pediatri che hanno scelto di aderire alla campagna anti Covid.

Ultimo aggiornamento: 13:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA