Vaccini, via alle dosi Johnson&Johnson in 150 farmacie di Napoli e provincia

Domenica 6 Giugno 2021
Vaccini, via alle dosi Johnson&Johnson in 150 farmacie di Napoli e provincia

«Finalmente ci siamo, dopo tanti annunci domani 150 farmacie a Napoli e provincia partono con la somministrazione dei vaccini. Ogni farmacia ha avuto 50 o 100 dosi di Johnson, in somministrazione unica e si parte domani». Così Vincenzo Santagada, presidente dell'ordine dei farmacisti della provincia di Napoli, annuncia la bandiera verde ai farmacisti che da domani entrano a pieno titolo nella somministrazione dei vaccini.

«Asl Napoli 1 e Asl Napoli 3 partono domani - spiega - mentre la Asl Napoli 2 parte nei prossimi giorni in maniera graduale. Ogni cittadino che lo desidera va in farmacia e se è inserito in piattaforma il farmacista entra nella sua scheda, estrae il nominativo, lo registra e lo vaccina. Se non è registrato il farmacista fa la registrazione e la somministrazione. Ricordo che parliamo di cittadini tra i 18 e i 59 anni con Johnson, anche se non si esclude che nelle prossime settimane ci diano altre tipologie di vaccini».

Video

L'attesa è dei cittadini, molti dei quali hanno un rapporto di fiducia con il farmacista che permetterà loro di superare le ultime diffidenze nei confronti dei vaccini: «Ogni farmacia - spiega Santagada - ha comunicato la propria capacità vaccinale all'Ordine e a Federfarma e all'asl, sulla base di quello sono state consegnati 50 o 100 vaccini. Tutte le farmacie che hanno dato la disponiblità stanno ricevendo centinaia di telefonate in questi giorni, da parte di cittadini che chiedono quando si parte, siamo di fronte a una sanità di prossimità di grande sensibilità nei confronti dei cittadini. Le farmacie saranno sempre più importanti e se ci dovesse essere il terzo richiamo e dovessero chiudere alcuni hub vaccinali, le somministrazione si faranno sempre di più in farmacia e dal medico di base, facendola diventare una cosa di normale quotidianità». Intanto i farmacisti di Napoli hanno proseguito nei giorni scorsi la loro solidarietà e hanno donato con il progetto «Un Farmaco per Tutti» al Cardinale Konrad Krajewski, elemosiniere di Papa Francesco farmaci destinati ai poveri dell'India e Libano per un valore di 60.000 euro. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA