Napoli, il quartiere Vasto piange don Claudio portato via dal Covid

Martedì 4 Maggio 2021 di Giuliana Covella
Napoli, il quartiere Vasto piange don Claudio portato via dal Covid

Un uomo di chiesa amato non solo dalla comunità dei fedeli in cui operava, ma dall’intero mondo ecclesiastico che oggi si stringe intorno al lutto della parrocchia di sant’Anna al Trivio. Il Vasto piange la scomparsa di don Claudio Colussa, scomparso a 69 anni a causa del Covid. Una morte improvvisa, che ha sconvolto il quartiere e le vicine comunità parrocchiali. Tanti i messaggi di cordoglio e vicinanza che da ieri continuano a invadere a pioggia le pagine dei social, come Facebook. «La nostra comunità parrocchiale si stringe alla comunità di sant’Anna al Trivio per la scomparsa del carissimo don Claudio Colussa», scrive la parrocchia del Santissimo Redentore. «Il Covid-19 ha portato via anche te. Ciao don Claudio Colussa. Voglio ricordarti così, grazie per ciò che hai donato al quartiere in questi anni», si legge in un post sulla pagina di Paolo Fusco, uno dei tanti residenti.

Video

E ancora, dai sacerdoti vicini, come don Lello Pescicolo: «La comunità di sant’Alfonso e sant’Attanasio è vicina  con l’affetto e la preghiera alla comunità parrocchiale di sant’Anna al Trivio per la perdita del proprio pastore». Messaggi di dolore e affetto verso un parroco che non ha rappresentato solo una figura ecclesiastica per i fedeli. Attento alle iniziative culturali, specie per le famiglie e i loro bambini, che promuoveva insieme alle diverse associazioni. Come “Un libro per amico”, organizzata da Sasy Francisconi e promossa dalle associazioni Napoli in Sinergia e Abilmente diversi e dal Comitato Civico Vicaria, proprio insieme a don Claudio, che due anni fa volle fortemente l’iniziativa per i bambini del quartiere. E anche la Diocesi di Napoli ha fatto sentire la propria vicinanza alla parrocchia del Vasto: domani alle 11.30 infatti il vescovo don Mimmo Battaglia accoglierà le ceneri di padre Colussa nello spazio esterno dell'ipogeo comunale del cimitero Nuovissimo di Poggioreale.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA