Vigili urbani nei cimiteri, il Comune di Napoli blinda il nuovo gestore

di Luigi Roano

2
  • 157
Scoppia la guerra dei cimiteri tra Selav e Comune e il rischio concreto che le tombe restino al buio per chissà quanto tempo è serio. Tanto che oggi Palazzo San Giacomo nei nove cimiteri della città è intenzionato a entrarci con i vigili urbani per dare a Citelum - la neoaffidataria del servizio di illuminazione - la possibilità di sistemare le cose. Perché serve la scorta dei caschi bianchi a Citelum? Perché Selav ha fatto ricorso contro la sentenza del Consiglio di Stato che ha dato il via libera al Comune per riaffidare il servizio, e nelle more dell'esito di questo suo controricorso atteso per giovedì, ha diffidato il Comune nel compiere qualsiasi azione pena la disinstallazione dei suoi impianti. Eventualità - secondo Selav - che lascerebbe al buio appunto le nicchie sine die. Fermo restando che ciascuno ha il legittimo diritto di tutelare i propri interessi in ogni sede, c'è da ricordare che per Selav quella del Consiglio di Stato è la seconda sconfitta consecutiva. Segue infatti quella del Tar Campania che pure aveva dato ragione a Palazzo San Giacomo. Ma Selav non intende mollare: oggi nei cimiteri potrebbe esserci la replica del celebre western Sfida all'O.K. Corral.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 24 Giugno 2019, 07:30
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-06-24 11:34:52
E' una vergogna questa situazione........lasciate in pace almeno i propri cari....in una città civile si presentano le dimissioni da tutte le cariche...ma voi neanche dei morti avete rispetto. VERGOGNATEVI!!!!!
2019-06-24 11:13:53
Indipendentemente dall'appalto per la fornitura di energia elettrica per l'illuminazione delle tombe, di cui i defunti possono farne sicuramente rinuncia, il cimitero di Capodichino-Poggioreale è ridotto ad una latrina. Dal 29 ottobre scorso, nella parte chiamate "giardinetti della pietà" vi sono alberi e rami, che nella loro caduta hanno danneggiato e divelto diverse tombe, al punto tale che in alcuni casi si vedono anche le bare. Avendo un congiunto che riposa in uno di questi giardinetti, ho fatto più volte reclamo, sia agli addetti, che per e-mail. Non ho mai avuto risposta. Non è civiltà quando viene a mancare il rispetto per i defunti e Il sindaco e la sua mministrazione dovrebbero saperlo. Non basta farsi fotografare con il Papa ed il giorno dopo farsi fatografare sul palco del raduno gay. Sono recite di bassa lega.

QUICKMAP