Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli nella morsa della violenza giovanile, Borelli: «Bisogna attuare norme più rigide»

Sabato 4 Giugno 2022
Napoli nella morsa della violenza giovanile, Borelli: «Bisogna attuare norme più rigide»

«I giovani sembrano essere sempre più orientati a comunicare attraverso il linguaggio della violenza. A Napoli siamo di fronte a una vera e propria emergenza: la movida, le giornate in spiaggia, i luoghi di ritrovo, uno sguardo di troppo, un sorpasso bastano a scatenare il putiferio. Ogni pretesto è buono per accendere risse e aggressioni che spesso finiscono nel sangue. Cresce il numero dei ragazzi che, in quanto espressione di contesti familiari criminali, sfoggiano tutto il loro sapere. Sconcertante l'episodio accaduto venerdì nella tarda serata in Via Francesco Girardi al tassista pugnalato ad una spalla dopo un diverbio con dei ragazzi per aver chiesto di ridurre gli schiamazzi notturni». Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde. «Da anni ci battiamo affinché i giovani cresciuti in ambienti familiari poco sicuri vengano allontanati e messi in luoghi protetti dove poter ricevere una sana educazione» aggiunge Borrelli annunciando che «come Europa Verde lanceremo una petizione popolare, è necessario il sostegno di tutti i cittadini per bene se davvero vogliamo raggiungere l'obiettivo di avere norme più rigide contro i criminali, e siamo sicuri che sono tantissimi i napoletani che saranno pronti a sostenere questa battaglia».

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA