Voragine nel Napoletano, il camion sprofonda ancora: «Qui crolla tutto, fate presto»

ARTICOLI CORRELATI
di Domenico Maglione

1
  • 990
«Qui crolla tutto: fate presto»: è l’appello drammatico che a Casoria i residenti della zona di San Mauro lanciano all’amministrazione comunale a distanza di oltre due settimane dalla maxivoragine del 1 luglio che ingoiò letteralmente un autocompattatore dei rifiuti, da cui miracolosamente uscì illeso l’autista. «Il camion va sempre più giù, a dimostrazione di un sottosuolo friabile e instabile: se dovesse venire giù una bomba d’acqua la situazione potrebbe improvvisamente precipitare», spiegano i 17 sfrattati per il disastro idrogeologico. «Saremmo lieti di concedere alla nuova amministrazione tutto il tempo per organizzare il lavoro e affrontare con serenità la complicatissima gestione della città, ma le circostanze impongono ben altro atteggiamento», si legge, tra l’altro, in un comunicato dei residenti che minacciano di scendere in piazza per chiedere di accelerare i tempi.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 17 Luglio 2019, 23:00 - Ultimo aggiornamento: 18 Luglio, 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-07-18 08:28:19
E' normale! Devono recuperare le ore di servizio prestate in più. Dove sono i dipendenti pubblici dei passati decenni che non badavano all'orario, anche senza pagamento dello straordinario, pur di servire i cittadini? Oggi esistono i furbi del cartellino, che una volta non esisteva, e la disciplina era garantita dai dai Dirigenti.........., si, quelli con la "D" maiuscola. Oggi è tutto al minuscolo: governo, scuola, università, istituzioni in genere, compreso il parlamento, cioè i parlamentari, ecc.!

QUICKMAP