Whirlpool e il Ferragosto triste:
​«Le nostre ferie qui in fabbrica»

di Gigi Di Fiore

«Questa è casa nostra» dice la scritta che resiste da due mesi e mezzo. Casa, speranza, dignità. Nello stabilimento Whirlpool di via Argine, gli operai sono in ferie collettive fino al 26 agosto solo sulla carta. La gente è al mare, in vacanza, ma qui, con il rischio incombente di chiusura annunciato dall'Azienda il 31 maggio, non c'è spazio per pause. Da allora, è iniziata una complicata vertenza sindacale con 10 giorni di sciopero, incontri al ministero a Roma ma, soprattutto, un presidio permanente fuori la storica fabbrica che non conosce pause, neanche di domenica né domani a Ferragosto.
 
 

In circolo, a lato delle scale d'ingresso dello stabilimento, seduti sulle sedie non ci sono mai meno di una decina di operai. Sono l'avamposto dei 430 dipendenti che rischiano il posto, quelli che ricordano con orgoglio i premi di produzione e qualità ottenuti da questa azienda negli anni. Nessuna pausa, nessun calo di tensione, non c'è la testa né ci sono i soldi per pensare al mare e alle vacanze.
Dice Salvatore Russo del reparto montaggio, come gli altri assunto qui dopo il padre, delegato sindacale per 40 anni: «Il 15 agosto sarà per me una giornata come le altre. Sarò un po' qui e un po' a casa in famiglia, con i miei figli. Non può essere un giorno di festa, il presidio resta».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 14 Agosto 2019, 08:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2019-08-15 15:01:18
Se avessero dovuto lavorare a ferragosto su richiesta del datore di lavoro allora apriti cielo. Adesso avrete ferie ad oltranza e ditelo anche al vostro papa Bergoglio che siete riusciti a santificare i giorni festivi.Grande vittoria dei sindacalai.
2019-08-14 14:02:43
vi lamentate? state al fresco, avete l'acqua minerale gratis, radio e televisione h24, colazione pranzo e cena a carico dei contribuenti generosi, a turno qualche tuffo in piscina e vi lamentate? vorrei vedere voi qui in spiaggia sotto il sole a 33-34 gradi, a sentire le varie voci di coccobello e bomboloni freschi di colpi di sole, bambini che schizzano l'acqua e vicini di ombrelloni che non sopportano la puzza del fumo che a dir loro fa male, nemmeno fossero ricercatori medici, venite qui, da me a viareggio proprio oggi dove un gelato cornetto mi e' costato 5 euro e mentre scrivo sto sudando che non avete idea........vado a fare un tuffo, scusate la mia franchezza
2019-08-14 11:00:51
quello in primo piano molto grosso, di sicuro uno del sindacato, vedi come é ciotto! se avesse lavorato solo un po di come parla.

QUICKMAP