Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Whirlpool Napoli Est, vertice il ministero: via libera alla cessione del sito entro il 25 agosto

Giovedì 4 Agosto 2022
Whirlpool Napoli Est, vertice il ministero: via libera alla cessione del sito entro il 25 agosto

«Il ministero conferma gli impegni presi nel verbale del 20 dicembre 2021 sia sulla reindustrializzazione del sito, sia sul calendario di reimpiego di tutti i lavoratori, inoltre conferma che il consorzio si muoverà sulle nuove filiere della mobilità sostenibile ed avrà come capofila l'Adler». A comunicarlo é il segretario generale della Fim Cisl di Napoli, Biagio Trapani dopo l'incontro sulla vertenza Whirlpool.

«Persistono ancora - secondo Trapani - questioni relative alla certificazione ambientale del sito di via Argine, ma a detta del Prefetto e delle istituzioni presenti al tavolo, non risultano esserci elementi ostativi, tant'è che entro il 25 agosto potremmo ricevere il via libera per la cessione del sito. Fatto che metterebbe in campo nuovi incontri a cui parteciperà anche il capofila del Consorzio per iniziare a parlare di piani industriali». 

Video

«Come Fim Cisl napoletana - conclude Trapani - apprezzando l'impegno profuso del prefetto e dalle istituzioni presenti, riteniamo finalmente essersi create le condizioni per dare vita ad un progetto di cui tanto abbiamo parlato ma poco realizzato. Stando a quanto oggi illustrato, crediamo che il prossimo settembre sia veramente un momento decisivo per una vertenza oramai passata da emblematica a storica; le famiglie di via Argine meritano una accelerazione anche perché il tempo gioca a nostro sfavore, il processo di ammortizzatori sociali ci ha aiutato a gestire una fase complicata ma morde sulle casse delle lavoratrici e dei lavoratori».

© RIPRODUZIONE RISERVATA