Addio alla scrittrice Claretta Cerio, raccontò il fascino di Capri

Addio alla scrittrice Claretta Cerio, che con i suoi libri ha raccontato il fascino di Capri nel mondo intellettuale e del jet set. È scomparsa ad Ambra, nel Valdarno aretino, in Toscana, dove si era ritirata a vivere nel 1970. Aveva 92 anni. L'annuncio della scomparsa è stato pubblicato dalla stampa dell'isola del golfo di Napoli.

È stata una prolifica scrittrice di romanzi in lingua tedesca mentre in Italia ha pubblicato alcuni racconti inerenti la sua infanzia e la sua giovinezza a Capri e i personaggi e gli intellettuali conosciuti durante la sua vita con Edwin Cerio. La casa editrice La Conchiglia ha pubblicato i suoi libri «La mia Capri», «Ex libris. Incontri a Capri con uomini e libri», «La sfinge pittrice. Lucy Flannigan, un mistero di Capri» e «Nulla fluat. Ricordi capresi del passato prossimo e remoto». Nata nel 1927 a Capri come Claretta Wiedermann, nipote di quell'August Weber arrivato a piedi dalla natia Germania a Capri per passarvi un'intera esistenza, ha vissuto, prima nella mitica Strandpension di Marina Piccola fondata dal nonno, e poi accanto allo scrittore Edwin Cerio, diventato suo marito, tre decenni della vita isolana ricchi di esperienze singolari, incontri straordinari, rapporti intensi. A 17 anni Claretta sposò Edwin Cerio (1875-1960) quando lui ne aveva 70 e grazie al marito conobbe tutti gli intellettuali, gli scrittori e gli artisti che frequentavano l'isola in quel periodo. Fu amica tra gli altri di Norman Douglas e nella sua casa ospitò il poeta Pablo Neruda.
Mercoledì 28 Agosto 2019, 16:15 - Ultimo aggiornamento: 28-08-2019 18:33
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP