Tra il verde e il mare, tre giorni di festa a Bacoli nel parco ritrovato

Martedì 27 Agosto 2019 di Patrizia Capuano
«Un mare di eventi a Villa Ferretti»: da venerdì a domenica, nell'ambito della rassegna culturale nel parco che circonda la residenza baiana, quaranta iniziative in calendario, promosse con le associazioni per il Centenario amministrativo del Comune di Bacoli. Filo conduttore è la sintesi tra la storia della città e il mare. In programma tavole rotonde, escursioni in canoa, attività veliche e yoga per i bambini, visite guidate, esposizione di prodotti confiscati a cura di Libera Campania, letture e poesia, libri, un viaggio virtuale nelle terme sommerse di Baia, e ancora ricamo, ceramica, danza, teatro. La presentazione ieri, nella sala giunta, con il sindaco Josi Della Ragione e l'assessore ai Beni comuni, Fabio Landolfo.
 
«La rassegna, organizzata grazie all'assessorato alla Partecipazione e ai Beni comuni, consentirà di far vivere alla cittadinanza il parco aperto al pubblico nel 2016», ha spiegato il sindaco: «Villa Ferretti non è solo simbolo della legalità. A riqualificazione completata, sarà un volano di sviluppo economico». «La tre giorni sarà un omaggio alla nostra storia», ha aggiunto l'assessore Landolfo. «Con le associazioni del territorio, abbiamo organizzato oltre quaranta eventi per sensibilizzare alla tutela del mare e approfondirne la cultura». La partecipazione è gratuita. Per i laboratori e le escursioni, è obbligatoria la prenotazione via mail all'indirizzo unmaredieventi@comune.bacoli.na.it.

La rassegna riaccende i riflettori su Villa Ferretti, residenza costruita nell'Ottocento da armatori genovesi sulla fascia costiera di Baia, scrigno di vestigia romane. Confiscata alla camorra e consegnata al Comune è stata riqualificata con fondi europei. Ma sono necessari altri interventi prima dell'apertura. È previsto a breve l'avvio di ulteriori opere di riqualificazione e di difesa costiera: nel tratto marino antistante sarà collocata una barriera frangiflutti, che possa tutelare la palazzina di colore rosso pompeiano dalle mareggiate e dagli effetti erosivi della salsedine. Il Comune, infatti, ha assegnato lo scorso maggio la progettazione per la messa in sicurezza e per il recupero della dimora, finanziati dal ministero dell'Interno con 933 mila euro. Altri fondi ministeriali, pari a 2 milioni 159mila euro, saranno utilizzati per riqualificare l'area fronte mare e la banchina. Una boccata d'ossigeno per la conclusione delle opere di ristrutturazione di Villa Ferretti. Nel 1997 la residenza fu sottratta alla criminalità organizzata dal Tribunale di Napoli. Consegnata dall'Agenzia del Demanio al Comune nel 2003, per la sua riqualificazione sono stati spesi quasi 5 milioni di euro di fondi europei. Un milione 240mila euro è stato adoperato per restaurare il parco, palcoscenico della tre giorni. Il via venerdì pomeriggio, alle 15, con una escursione in canoa a cura del Canoa Club Napoli. A seguire, tra le molteplici attività, alle 18 la tavola rotonda dal tema «Un mare di pietre: processi di valorizzazione del parco sommerso di Baia» coordinata da Salvatore Illiano, vicesindaco di Bacoli con gli interventi di Fabio Pagano, direttore del Parco archeologico dei Campi Flegrei; Stefano Consiglio, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali Unina; Nicolai Lombardo, studioso di archeologia subacquea dei Campi Flegrei; Claudio Ripa, subacqueo scopritore di Baia sommersa. La conclusione della rassegna, domenica alle 22, con il concerto della Corale Flegrea a cura dell'associazione Freebacoli. Ultimo aggiornamento: 12:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA