Torna “Be Green” al Lanificio25: i segreti della pianificazione urbana sostenibile

Giovedì 6 Febbraio 2020
Venerdì 14 febbraio, alle ore 17, il Lanificio25 centro culturale di Napoli con sede nella quattrocentesca Insula Monumentale di Santa Caterina a Formiello in Piazza Enrico de Nicola, in collaborazione con il Comune di Napoli e l’Associazione Legambiente, ospita il secondo incontro della rassegna “Be Green” che vede protagonisti professori, architetti ed artisti impegnati in un dialogo-confronto sul tema della salvaguardia ambientale e la tutela del pianeta Terra.

Tema scelto per il secondo appuntamento è il “Biophilic Design: una moda, un trend, una necessità?: insieme ad esperti di settore si esploreranno infatti le potenzialità della pianificazione urbana sostenibile, un modo di progettare innovativo basato sul corretto rapporto tra uomo e natura.
 

A moderare l’incontro Massimo Clemente, urbanista e direttore Ricerca Cnr Iriss, con il chirurgo Franco Rendano, presidente Carlo Rendano Association e l'architetto Roberta Filippini che cercheranno di spiegare ai presenti i vantaggi e le potenzialità del Biophilic Design: si partirà dall’esaminare la società attuale caratterizzata da ritmi frenetici, spazi chiusi e dall’uso massiccio delle tecnologie che caricano di stress il sistema cognitivo umano, per poi prendere in esame gli effetti benefici dalla natura capace di migliorare la qualità della vita e l’umore dell’essere umano alleggerendone il sistema cognitivo. Fulcro della discussione sarà esaminare la necessità di creare nuovi spazi verdi in pieno centro città a Napoli: veri e propri polmoni urbani – giardini, parchi, orti cittadini e pareti verdi verticali – capaci di incidere positivamente sulla vita e la crescita di adulti e bambini.

Il terzo appuntamento del ciclo “Be Green” si terrà il 27 Marzo quando in compagnia di esperti si parlerà di “Antropocene” per capire come l’essere umano abbia influenzato con le sue azioni gli equilibri territoriali e climatici dell’ecosistema.
  © RIPRODUZIONE RISERVATA