Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Caffè espresso italiano patrimonio Unesco: gli eventi a Napoli dal Gambrinus al teatro Trianon

Sabato 26 Marzo 2022
Caffè espresso italiano patrimonio Unesco: gli eventi a Napoli dal Gambrinus al teatro Trianon

Una giornata a Napoli pensando insieme alla storia del caffè espresso che ha lanciato la candidatura all'Unesco del caffè italiano; la giornata è nazionale e punta all'ultimo ok per la presentazione della candidatura del dossier «Il caffè espresso italiano tra cultura, rito, socialità e letteratura nelle comunità emblematiche da Venezia a Napoli» a patrimonio immateriale dell'umanità dell'Unesco.

Una giornata che ha coinvolto diversi bar della città a cominciare dal Gambrinus, bar simbolo di Piazza Plebiscito, pezzo di storia della città che ha celebrato proprio la storia del caffè a cominciare dalla cuccuma, l'antica macchina del caffè napoletano, poi superata dalla moka e dall'attuale macchina elettrica per casa, ma mai dimenticata in città.

Ma al Gambrinus il caffè si è provato e celebrato, ricordato nella quotidianità dell'averlo e del darlo attraverso il «caffè sospeso», che chi può concede tradizionalmente a Napoli a chi arriva in un bar in un momento difficile e ne ottiene uno gratuito. «Noi da sempre - spiega uno dei proprietari del Gambrinus, Massimiliamo Rosati - sostenuto la candidatura del caffè, siamo partiti dall'espresso napoletano e poi siamo confluiti nel pensiero al caffè italiano. Su questo abbiamo lavorato sinergicamente con altre istituzioni cittadine e università e ora promuoviamo il caffè di Napoli insieme a quello di altre città». 

Video

Da Napoli a Venezia spingendo il caffè in tazzina conosciuto e amato dai milioni di turisti che arrivano in Italia e passano alla tazzina dopo una vita davanti a grandi tazze di caffè allungato. Il pensiero a entrare nei prodotti celebrati dall'Unesco si è sposato oggi anche per la corsa verso l'Oscar con un caffè al Gambrinus che i celebranti hanno dedicato a Paolo Sorrentino e alla sua corsa per il premio con «È stata la mano di Dio». Una mano a bere e celebrare il caffè in tutta la città, da «La Caffettiera» in Piazza dei Martiri a al bistrot «Lazzarelle» nella Galleria Principe, fino al teatro Trianon dove è stata presentata al pubblico stamattina la candidatura del caffé e all'Accademia di Cucina Mediterranea a viale Kennedy per lo show cooking dedicato al caffé.

Ultimo aggiornamento: 20:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA