«Cenerentola è napoletana, non francese», l'ira dei Neoborbonici contro Zanichelli

2
  • 5711
Il Movimento Neoborbonico ha chiesto alla casa editrice Zanichelli di Bologna di modificare la notizia riportata sulla sua pagina ufficiale: la prima Cenerentola non è "quella di Perrault nato nel 1628" ma dello scrittore napoletano Giambattista Basile nato e vissuto a Giugliano (1566-1632).

«Basile fu autore di un meraviglioso libro con 50 favole scritte in una meravigliosa lingua napoletana ("Il cunto de li cunti"), il libro fu pubblicato dalla sorella Adriana nel 1634 e conteneva la famosa "Gatta Cennerentola", la prima versione della cultura occidentale nella quale si parla di quella famosa ragazza che perde la sua scarpetta in quel Palazzo Reale che (visto che Basile frequentava la Corte vicereale spagnola) era in sostanza l'antico palazzo vicereale spagnolo e attuale palazzo reale napoletano. Alla favola di Basile si "ispirarono", in seguito, Perrault, i Grimm, Rossini e la stessa Disney. La rettifica è quanto mai necessaria soprattutto in considerazione del fatto che la Zanichelli è una casa editrice anche scolastica e non è corretto fornire ai nostri ragazzi (napoletani e non) informazioni sbagliate cancellando uno dei primati più belli della storia dell'ex capitale del Sud» spiega il movimento Neoborbonico.
Domenica 13 Gennaio 2019, 18:37
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-01-15 17:03:30
Lu cunto de li cunti ... è vero! E' un'opera di G.B. Basile ed infatti anche RAI 1 qualche mese fa (mi sembra Roberto Giacobbo), spiegò che la vera Cenerentola è stata scritta dal poeta giuglianese. Quella che ci propinano è un plagio.
2019-01-14 11:17:56
a poco a poco ci vogliono levare tutto.

QUICKMAP