Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Comicon 2022, torna in presenza a Napoli con dodici eventi Comic(On) Off: tutti gli appuntamenti

Venerdì 25 Marzo 2022 di Salvatore De Rosa
Comicon 2022, torna in presenza a Napoli con dodici eventi Comic(On) Off: tutti gli appuntamenti

Dopo due anni, ritorna in presenza il Comicon – la fiera del fumetto più grande del Sud – alla Mostra d’Oltremare di Napoli dal 22 al 25 aprile.

Per prepararsi al festival ritorna anche Comic(On) Off con 12 eventi tra mostre, incontri e performance. Coinvolti nell’iniziativa il Mann, il Goethe-Institut, l’Institut Francais e l’Instituto Cervantes oltre all’ordine dei giornalisti della Campania e per la prima volta l’Archivio di Stato di Napoli.

Proprio nella sede dell’ordine dei giornalisti si è tenuta la conferenza di presentazione. A fare gli onori di casa il presidente dell’ordine Ottavio Lucarelli. Con lui il direttore generale di Comicon Claudio Curcio, il console di Francia a Napoli Laurent Burin des Roziers, la responsabile dei programmi culturali del Goethe-Institut Johanna Wand, la direttrice dell'Istituto Cervantes Ana Navarro Ortega e la direttrice dell'Archivio di Stato Candida Carrino.

«Finalmente invadiamo di nuovo la città – spiega Curcio – portando ai napoletani e ai turisti l’arte del fumetto, in stretta collaborazione con il Museo archeologico, l’Archivio di Stato e gli istituti culturali di Francia, Germania e Spagna a Napoli, con quell’aria internazionale che si respirerà anche in Mostra d’Oltremare nei giorni di Comicon».

Video

«Comicon diventa sempre più importante e dal peso culturale crescente che va di pari passo con la crescita dell’editoria legata ai fumetti. Tanti sono i partner coinvolti e li ringrazio, così come ringrazio tutto lo staff che permette al festival di raggiungere traguardi sempre più ambiziosi» conclude il direttore responsabile Curcio.

Da oltre 15 anni il Goethe-Institut collabora con la fiera fumettistica partenopea e quest’anno ospita fino al 30 giugno la mostra su Anna Piccolagrande e altri equivoci – I fumetti di Mia Oberländer, giovane autrice nata nel 1995 e che nel 2021 è stata premiata dalla Fondazione Berthold Leibinger.
«Il fumetto tedesco sta dando sempre più spazio a voci femminili che raccontano storie di emancipazione e libertà a tutela delle donne e delle minoranze. - racconta Johanna Wand - Siamo felici di riprendere in presenza la collaborazione con Comicon e in particolare portare all’attenzione delle persone questa storia a fumetti che con senso comico cerca di combattere i pregiudizi contro le donne».

All’Instituto Cervantes, dal 21 aprile al 31 maggio, va in mostra Universo! – La fantascienza di Albert Monteys, un’esposizione dedicata alla celebrata antologia di fumetti fantascientifici dell’autore spagnolo, popolata da robot troppo coscienziosi, esploratori intergalattici insoddisfatti del lavoro, o da innamorati invischiati in complicate distorsioni spazio-temporali. Monteys terrà una visita guidata aperta al pubblico il giorno dell’inaugurazione.
«Napoli è una città ricca di storia ed essere coinvolti in questo progetto all’insegna del fumetto, che è letteratura, per noi è motivo di orgoglio» dice la direttrice Ana Navarro Ortega.

All’Institut Français di Napoli, al Grenoble, dal 28 marzo al 30 aprile, con la mostra Futuri vuoti – La distopia di Léa Murawiec, dedicata all’opera di debutto Léa Murawiec, Le Grand Vide, che arriva a Napoli subito dopo aver vinto il Premio del pubblico al Festival di Angoulême.
Il volume racconta una società del futuro in cui la fama è questione di vita o di morte. Una visione fantascientifica, pungente e immaginifica, che segna uno degli esordi più interessanti del fumetto francese.
Nel giorno inaugurale Léa Murawiec incontrerà il pubblico alle ore 18 e, nell’occasione, premia i vincitori del concorso «Une BD qui (d)étonne!», nell’ambito dell’operazione del Ministero della cultura francese «Dis-moi dix mots».

«L'Institut Français è da sempre partner con Comicon. Siamo molto felici di tornare in presenza e continure questo percorso insieme» spiega il console Laurent Burin des Roziers.

Unisce Napoli all’arte fumettistica giapponese la mostra Manga Heroes – Gli eroi e i miti alle pendici del vulcano in programma al Mann dal 21 aprile al 19 settembre, che porta tra gli antichi miti un vasto percorso espositivo dedicato all’arte dei manga, ai suoi eroi e alla sua evoluzione dagli anni ’50 ad oggi, composto da una ricca selezione di tavole, oggetti, giocattoli e riproduzioni con la quale il visitatore potrà interagire per immergersi nella cultura giapponese.

«Che i fumetti siano arte, raffinata e popolare – spiega il direttore del Mann Paolo Giulierini – il Mann lo testimonia da alcuni anni portando nelle sue sale autori come Pratt, Liberatore, Moebius, grazie alla collaudata collaborazione con Comicon, arricchita oggi da un’altra tappa preziosa, dedicata al mondo dei Manga. Un evento che si collega non casualmente al dialogo intenso del museo con il Giappone moderno, paese che attualmente ospita una epocale esposizione itinerante dei nostri tesori e al quale ci accomuna la cultura dei vulcani. La mostra sui Manga fa parte del progetto universitario Obvia».

Anche l’ordine dei giornalisti della Campania è, come consuetudine, nel circuito Comic(On) Off, ospitando da oggi la mostra Tressette col Topo – La città di Napoli attraverso gli occhi di Blasco Pisapia, con le immagini dell’autore Disney ambientate nella città partenopea.

Dal 2 al 31 maggio, all’Archivio di Stato di Napoli, ci sarà invece la mostra Quelli che a Livorno – Cronaca di una scissione, basata sul graphic novel che racconta lo storico congresso del Partito Socialista del 1921, con uno speciale focus sulla figura di Amadeo Bordiga, attraverso una selezione di documenti custoditi dall’Archivio e mai esposti al pubblico in precedenza. Gli autori Silvano Mezzavilla e Luca Salvagno incontreranno il pubblico all’inaugurazione.

«Questa collaborazione per l’Archivio è un fatto straordinario - racconta la direttrice Carrino - nato con lo scopo di sdoganare e portare a quante più persone possibili centinaia di anni di documenti storici spesso poco accessibili ai non addetti ai lavori. È un bene aprirsi anche ad altre modalità di racconti e linguaggi e il fumetto è uno di questi».

A Torre del Greco, dal 31 marzo al 9 maggio, il Multisala Corallo ospita Sensuability – Reload III, selezione delle opere dedicate al rapporto fra pubblicità, sessualità e disabilità, organizzata dall’associazione «Nessunotocchimario» e che precedentemente è stata ospitata alla Casa del Cinema di Roma.

Il 2 Aprile, presso Il fuori Orario, appuntamento col mondo dei graffiti No color sketch – Live, una serata con mostra di tavole originali, writing live e tanto altro.

Dall’8 al 17 aprile, all’ex Asilo Filangieri di Napoli, va in scena Macondo – tre anni di solitudine… a fumetti, dove le autrici e gli autori del collettivo Macondo festeggiano i loro primi tre anni di vita editoriale.

Il 22 aprile alle ore 22, al Mamamu di Napoli, si terrà la mostra-evento Gabonzo Robot Night feat. Dr. Pira + guests, dedicata al nuovissimo libro dell’autore piemontese, tra i protagonisti del nuovo fumetto umoristico italiano, e già vincitore del Premio Micheluzzi al Miglior Fumetto a Comicon2019.

Il 29 Aprile alle 17.30 alla libreria Il Mattoncino sarà invece presentato il graphic novel Per sempre, una storia che svela con delicatezza la magia del primo amore, con gli autori, Assia Petricelli e Sergio Riccardi, che incontreranno i lettori.

Nel programma culturale di Procida Capitale Italiana della Cultura, Dal 1 al 5 maggio, avrà luogo Pitoon – I Pitoti in cartoon, la mostra dedicata alle pitture rupestri della Val Camonica, che ospiterà vignette frutto dei laboratori artistici della Valle, tenuti tra gli altri da Sergio Staino e Laura Scarpa. L’esposizione sarà ospitata dalla suggestiva Chiesa di Santa Margherita.

A chiudere la kermesse, dal 6 maggio al 15 giugno, allo Slash+ di Napoli, sarà in mostra il vincitore dell’edizione 2021 del Premio Spaccanapoli, il riconoscimento dedicato alle eccellenze partenopee nel fumetto, che sarà conferito durante Comicon.

Ultimo aggiornamento: 18:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA