Tagli ai fondi, appello Purchia: «Fiola sbaglia, venga a scoprire il San Carlo»

di Donatella Longobardi

1
  • 9
«Venga al San Carlo, venga a conoscere il teatro, le nostre porte sono aperte». La sovrintendente Rosanna Purchia risponde così al presidente della Camera di Commercio Ciro Fiola che ha annunciato dalle colonne del nostro giornale di voler tagliare il contributo al teatro. Fondi già nel bilancio preventivo 2019 grazie a una delibera firmata dal commissario Petrone per poco più di un milione di euro.

E allora, sovrintendente, cosa succede?
«Beh, dovranno ritirare la delibera inserita nel 2019. Ma io mi auguro che le cose vadano diversamente».

Ovvero?
«Forse il presidente è stato informato male, forse conosce poco il San Carlo. Noi siamo l'azienda culturale più importante del Mezzogiorno, venga a conoscerci, altro che fondi a pioggia, quelli non li vogliamo, noi i soldi li guadagniamo e mostriamo come li spendiamo».

Fiola parlava della esigenza di rivedere lo statuto, lei cosa ne pensa?
«Lo statuto di una Fondazione come la nostra nasce da lontano. Oggi per diventare soci fondatori bisogna garantire il 15 per cento della quota Fus, il Fondo unico per lo Spettacolo. Parliamo di 12-13 milioni l'anno, quindi cifre importanti in una realtà difficile dove però, grazie all'Art Bonus, molti imprenditori iniziano a investire con successo nel brand San Carlo».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 31 Dicembre 2018, 09:00 - Ultimo aggiornamento: 31-12-2018 11:50
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-12-31 23:21:19
Camera di Commercio e Teatro Lirico non hanno nulla in comune: giusto spendere i soldi delle Imprese in altro modo. La Purchia se ne faccia una ragione.

QUICKMAP