Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Franceschini, tributo alla Serao
«E Giulierini? Lo vedrò al museo»

Mercoledì 31 Maggio 2017
Franceschini, tributo alla Serao «E Giulierini? Lo vedrò al museo»

C'è anche il ministro della cultura Dario Franceschini, in un teatro San Ferdinando gremito, alla festa per i 125 anni de Il Mattino. «Un giornale così radicato e parte di Napoli», lo ha definito. «Mi sembra - ha affermato prima di accomodarsi in platea - che il Mattino si stia adeguando ai cambiamenti come, soprattutto, stanno facendo i grandi giornali che hanno un forte legame identitario con il territorio e la città e che stanno affrontando al meglio le difficoltà editoriali del momento». Poi il tributo a Matilde Serao, fondatrice del quotidiano: «Una grandissima intellettuale, una donna fuori dalle regole, di cui andare orgogliosi».

Il direttore del Mattino Alessandro Barbano, dal palco, dopo aver ringraziato ministro e altre autorità presenti (tra cui il governatore Vincenzo De Luca e l'assessore alla cultura del Comune di Napoli, Nino Daniele) ha voluto aggiungere «un pensiero a Paolo Giulierini direttore dell'Archeologico» raccogliendo un applauso del pubblico. Giulierini è tra i cinque direttori di musei italiani la cui nomina è stata annullata dal Tar del Lazio. Interpellato dai cronisti sulla vicenda, Franceschini si è limitato a dire «oggi parliamo solo de Il Mattino». Ma, in realtà, il confronto è solo rinviato. A margine della cerimonia, il ministro ha infatti aggiunto su Giulierini: «Lo vedrò al museo». 
 

Ultimo aggiornamento: 22:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA