Il giallo di Elena Ferrante, l'ultima pista

di Guido Caserza

Elena Ferrante, chi è costei? Il quesito di manzoniana memoria torna di attualità dopo che tra le carte di Marcello Frixione sono stati trovati alcuni scritti inediti simili per stile e tematiche all'opera della Ferrante. Il caso ha del clamoroso. Dietro Elena Ferrante, l'autrice senza volto e senza nome, potrebbe esserci Marcello Frixione, per anni docente di Logica nell'università di Salerno e da un anno a Genova. Poeta e raffinatissimo prosatore, tra le sue opere pubblicate (l'ultima è Pena enlargement, edizioni d'if) non c'è in realtà una sola riga che possa richiamare alla mente lo stile di Elena Ferrante. Di Frixione si sa però che è incline all'uso di eteronimi, il che suscita già qualche sospetto. E ora, ad alimentare altri sospetti, questi inediti ritrovati lo scorso anno da Marco Berisso, docente di Filologia italiana all'Università di Genova. Nuovamente interpellato, Frixione ha ribadito il laconico «non confermo e non smentisco».



CONTINUA A LEGGERE SUL MATTINO DIGITAL
Sabato 21 Febbraio 2015, 12:48 - Ultimo aggiornamento: 21-02-2015 12:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP