Il sogno di Giancarlo, dai Quartieri Spagnoli a Firenze per il suo primo «corto»

Sabato 21 Novembre 2020 di Giuliana Covella

Giancarlo Della Volpe fa il barista ma è un giovane regista di 24 anni dei Quartieri Spagnoli che sin da bambino aveva un sogno: diventare un poliziotto. E la polizia come simbolo di legalità che può cambiare la vita delle persone è protagonista del cortometraggio con cui ha appena vinto un premio a Firenze: «Voglio mostrare il buono dei ragazzi che nascono nella mia città e il cambiamento possibile se si sceglie da che parte stare», dice. Il primo riconoscimento è arrivato pochi giorni fa dalla Toscana e nemmeno se lo aspettava. Ma da oggi la statuetta del leone in vetro che raffigura il Premio Cinema breve dedicato ai cortometraggi è sulla mensola della stanza di Giancarlo, un ragazzo nato tra i vicoli dei Quartieri Spagnoli e la zona di via Costantinopoli.

 

Ma Giancarlo è soprattutto figlio di un posteggiatore che tutti conoscevano, perché amava la canzone classica napoletana. «A lui che oggi non c’è più, dedico questo premio», dice il 24enne, che spiega com’è nata la sua passione per il cinema. Due i lavori realizzati finora dietro la macchina da presa: “La vita di Davide” e “Cambio per la mia libertà” appena premiato, dove Della Volpe mette in luce la parte bella della sua città e il coraggio di cambiare dopo aver sbagliato. «Il mio sogno era di entrare nelle forze dell’ordine - racconta - volevo diventare un agente della polizia di Stato, ma la situazione familiare non me lo ha mai permesso, così grazie a mio padre ho scoperto un lavoro che amo più della mia vita. Lui era un vecchio posteggiatore di Napoli, cantava nei ristoranti dei Quartieri Spagnoli ma aveva anche la passione del cinema e del teatro ed è quella che mi ha trasmesso». Proprio quando il papà è venuto a mancare il ragazzo ha deciso di inseguire il suo sogno.

«Mi recai alla questura di via Medina e li conobbi il mio “angelo custode”, una poliziotta per me molto speciale, a cui devo tanto e che per me è stata come una madre». Così Giancarlo ebbe l’ok per girare alcune scene con le volanti della polizia per il suo primo cortometraggio. Fino al secondo, “Cambio per la mia libertà”, appena premiato a Firenze: «In questo lavoro racconto come in ogni ragazzo che commette uno sbaglio ci sia sempre una speranza, una seconda possibilità specie se si sceglie di stare dalla parte giusta». E sui progetti futuri dice: «Ne ho tanti, trattano tutti di temi sociali e delle sofferenze della mia città».

© RIPRODUZIONE RISERVATA