Giornata della Memoria a Napoli, mostra e timbro filatelico speciale

Giovedì 27 Gennaio 2022 di Giuliana Covella
Giornata della Memoria a Napoli, mostra e timbro filatelico speciale

Quotidiani con l’annuncio delle leggi razziali, lettere scritte dai campi di concentramento e cartoline commemorative. Testimonianze inedite di una tragedia universale che è più che giusto trasmettere alle nuove generazioni. Nell’ambito delle iniziative commemorative previste per la Giornata della Memoria, su richiesta dell'Associazione Filatelica Numismatica Partenopea presieduta da Adriana Riccio, è stato reso disponibile il timbro speciale realizzato dal maestro Riccardo Zagaria d'intesa con lo Spazio Filatelia di Napoli. Un'iniziativa nata dal desiderio di mantenere viva la memoria, un monito che funga anche da auspicio, affinché non abbiano a ripetersi i crimini che hanno tragicamente segnato la storia dell’umanità. In quest'ottica, contestualmente alla presentazione dell'annullo, quanti si sono recati stamattina presso lo Spazio Filatelia Napoli in Via Monteoliveto, 46 hanno potuto visitare la mostra "Memoria e Shoah" nella quale sono state esposte una serie di preziose testimonianze tratte dalle raccolte del Museo di Napoli - Collezione Bonelli e dall'Archivio di Gianmaria Lembo.

 

«La mostra resterà in esposizione fino al 6 febbraio presso gli spazi del Museo di Napoli - Collezione Bonelli - spiega Gaetano Bonelli - questo sforzo congiunto fatto con il patrocinio dell’Anpi e i collezionisti che si sono messi a disposizione dovrebbe essere visto come uno sprone, affinché le istituzioni si attivino per fare in modo che la Giornata della memoria non resti semplicemente quella del 27 gennaio, ma attraverso la realizzazione di un museo delle Quattro giornate, della Resistenza e di quella che è stata la pagina triste della Shoah con le esperienze napoletane possa diventare qualcosa di visibile tutti i giorni in uno spazio ad esse dedicato».

Video

Nel corso della mattinata sono state riproposte, per la prima volta assieme, le lettere che Suzette Tartarone, definita "l'Anna Frank napoletana", scrisse al padre dal campo di concentramento di Pollenza e per l'occasione, è stato possibile visionare anche la recente acquisizione del Museo di Napoli - Collezione Bonelli, di una lettera che il papà scrisse alla ragazza internata nel lager di Caldarola nel quale la giovane napoletana era stata trasferita. Il repertorio documentaristico ha previsto, inoltre, l'esposizione di giornali d'epoca, cartoline commemorative e due rarissime lettere scritte dal campo di Auschwitz, provenienti dalla prestigiosa collezione Lembo. Contestualmente all'annullo speciale, si è potuto acquistare una cartolina realizzata ad hoc, come ricordo della mostra. All’evento sono intervenuti tra gli altri, il presidente provinciale Anpi Ciro Raia, la presidente della sezione Anpi di Capodimonte Sara Cucciolito e la direttrice dello Spazio Filatelia Napoli Mariagrazia Paris.

Ultimo aggiornamento: 19:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA