I detenuti di Nisida raccontati
al Capri-Hollywood

Martedì 27 Dicembre 2016 di Francesca Cicatelli
A Nisida, nel freddo dei cuori infranti, germoglia il calore ella speranza. Dai volti redenti e ora indifesi dei minori detenuti affiorano segnali di cambiamento ogni giorno. Non ti aspetteresti mai che il promontorio arroccato sul mare sia l'unico orizzonte degli sguardi dei ragazzi reclusi nel carcere minorile, travolti dalla violenza dell'esperienza della detenzione che a Nisida si fa mite per il metodo di recupero adottato da Gianluca Guida. A raccontare le storie del carcere il film "Mirea" (proiettato domani al Capri - Hollywood), per la regia di Salvatore Sannino e Mario Vezza, coprodotto da Antonio Acampora e Armando Ciotola del centro di produzione CinemaFiction Napoli, dal Teatro di Sotto e dall'associazione MetaMorfosi e scritto da Andrea Bagnaleme Veria Ponticiello.
Il film racconta la storia di Mirea (interpretata da Giovanna Sannino), una ragazza di 16 anni che vive a Napoli, con sua madre Nunzia, in un basso del quartiere Petraio. Mirea è una pedina del Sistema, sostiene lei la sua famiglia vendendo tutte le notti la cocaina che nasconde ordinatamente sotto i battiscopa di casa sua. Durante un blitz notturno Mirea e sua madre vengono arrestate, la ragazza viene portata all'Istituto Penale Minorile di Nisida e Nunzia al carcere femminile di Pozzuoli. A Nisida Mirea divide la cella con Giulia, ragazza calabrese di una bellezza invadente ed aggressiva. Giulia si prende gioco di Mirea e la usa in tutti i modi per i propri interessi ed obiettivi. Il comportamento di Giulia e la vita carceraria influiscono sullo stato d'animo di Mirea, alimentando tensioni all'interno dell'istituto e conflittualità tra le due ragazze. Mirea avverte il desiderio di un cambio di passo, di fare scelte importanti per il futuro, guardando “fuori”, cercando stimoli dalla realtà esterna e dalle bellezze che circondano il carcere.
Scrive una lettera a sua madre, sperando di avere da lei quel sostegno e quella guida che in passato l'è venuta sempre a mancare. Con il tempo, la solitudine costringe la ragazza a chiedere altro da se stessa e a farlo uscire fuori. Rischiando in prima persona. Il film – attraverso il racconto corale e diretto della condizione dei detenuti realmente ospiti a Nisida, fatto in prima persona dai ragazzi stessi e dalle figure che rappresentano l'Istituto – va ad indagare sui sentimenti ed i desideri di questi ragazzi, sulle loro passioni e la loro umanità, valorizzando gli elementi positivi che caratterizzano le loro vite e che la realtà circostante di Nisida vuole far loro risaltare. Sulla voglia di andare oltre le stereotipie che caratterizzano il comune sentire della gente sulla loro condizione di detenuti.
  Ultimo aggiornamento: 23:57 © RIPRODUZIONE RISERVATA