«Al via i restauri delle Terme centrali
riapriamo un altro pezzo di Pompei»

di Susy Malafronte

Pompei. La «regina» dell'archeologia continua ad incantare il mondo. Dall'Instagram del direttore generale del Parco Archeologico di Pompei, Massimo Osanna, la bella notizia: «Cominciati i restauri delle Terme centrali. Un altro pezzo di Pompei mai vista che sarà presto riaperto al pubblico!». L'annuncio social fa «impazzire» i social-turisti. Boom di like sulle foto inedite delle Terme centrali scattate dal professor Osanna che si dimostra sempre più «archeo-social» e questo fa «impazzire» i turisti del web. Nel 62 dopo Cristo l'asse economico-sociale di Pompei si sposta verso via di Stabia.
 
 

In quest'area nasce il progetto di un nuovo complesso termale, che sostituiva l’intero isolato della IX Regione che, però, non fu mai completato. L'eruzione del 79 dopo Cristo, infatti, lasciò incompiuto questa grande complesso di bagni pubblici, in sostituzione delle Terme stabiane. La particolarità di questo enorme complesso termale è che  non prevedeva sezioni separate per gli uomini e per le donne. Un sistema efficace ne assicurava il riscaldamento degli ambienti: ma al momento dell'eruzione mancavano ancora le fornaci, e non erano stati organizzati il giardino con porticato a pilastri, la palestra, la piscina. Ai lati dell'entrata principale, su via di Nola, due piccoli ambienti dovevano fungere da biglietteria e da deposito degli oggetti di valore. Molto presto, dunque, tutto questo sarà aperto al pubblico.
Martedì 6 Febbraio 2018, 18:18 - Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 10:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP