Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

«L’Italia delle stragi: tra collusioni e depistaggi», il meeting di Agende Rosse all'università Federico II

Giovedì 25 Novembre 2021
«L’Italia delle stragi: tra collusioni e depistaggi», il meeting di Agende Rosse all'università Federico II

L’Italia delle stragi: tra collusioni e depistaggi” è il tema del convegno che si terrà lunedì 29 novembre, alle ore 15:30, nella sede di Porta di Massa della facoltà di Giurisprudenza della Federico II, organizzato dall’associazione “Ius - Innovazione universitaria studentesca”, in collaborazione con Arca Agende Rosse Campane.

Al meeting, dopo i saluti di Andrea Ruggiero, consigliere di amministrazione Federico II, di Giovanni Strazzullo, consigliere prima municipalità di Napoli e di Maria Zafro, presidente “Ius”, parteciperanno l’Ingegnere Salvatore Borsellino, attivista e fondatore del Movimento Agende Rosse, il penalista Fabio Repici, che ha rappresentato e rappresenta i familiari delle vittime di mafia degli ultimi decenni e il co-fondatore del Movimento Agende Rosse, Angelo Garavaglia Fragetta, autore di importanti studi sulla strage di via D’Amelio.

Video

E ancora, saranno presenti Carlo Longobardo, docente di diritto penale della facoltà di Giurisprudenza dell’università Federico II. I lavori saranno moderati da Clara Giurato e conclusi da Andrea Vallone, consiglieri del dipartimento di Giurisprudenza. Tra le finalità del convegno «attraversare le stragi di mafia degli ultimi quarant’anni e il loro impatto sulla società odierna: ferite ancora aperte e temi ancora di scottante attualità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA