Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

L'Università Federico II di Napoli compie 798 anni: ecco il programma delle celebrazioni

Lunedì 30 Maggio 2022 di Emiliano Caliendo
L'Università Federico II di Napoli compie 798 anni: ecco il programma delle celebrazioni

Quasi 800 anni e non sentirli. Per la precisione sono 798 gli anni passati da quando l’Imperatore del Sacro Romano Impero Federico II di Svevia, il 5 giugno del 1224, a Siracusa, dettò la lettera circolare (generalis lictera) che istituiva l’Università degli Studi di Napoli, la quale porta ancora il suo nome. L’Ateneo federiciano è quindi pronto a celebrare il suo compleanno con una due giorni di eventi prevista per il 9 e il 10 di giugno. «Sono trascorsi 798 anni che corrispondono a circa trenta generazioni di studenti arrivate sino a oggi. Un grande patrimonio storico-culturale che dobbiamo cercare in tutti i modi di valorizzare. Ci avviamo verso la celebrazione degli 800 anni, ma 798 è già una data importante», ha detto il rettore Matteo Lorito, a margine della conferenza stampa di presentazione degli eventi che si terranno per il compleanno della Federico II. «Abbiamo un programma molto bello – ha aggiunto - due giorni di cultura, con riconoscimenti a studenti e laureati illustri. La novità di quest’anno è costituita dalla presenza il 10 giugno del ministro dell’Università e della Ricerca, la professoressa Messa. Avremo poi una nuova pubblicazione sulla lettera istitutiva dell’Ateneo, curata dal professor Delle Donne, che ci racconterà come Federico II, un grande visionario, vedeva lo studio napoletano già nel 1224 in una maniera così moderna e innovativa».

La prima giornata del 9 giugno vedrà nel cortile centrale una lezione del professor Alessandro Castagnaro sullo sviluppo urbano della città di Napoli, in particolare delle mura greche, dall’antica Neapolis alla Federico II. Ci sarà, poi, sullo Scalone della Minerva, una performance teatrale chiamata «Extramoenia» a cura del gruppo Muricena Teatro, ideata dall’attore Raffaele Parisi. Infine, sono previsti due momenti in cui i protagonisti assoluti saranno gli studenti: sarà presentato il catalogo fotografico del contest «Cronache di vita universitaria ai tempi del covid-19»; si esibirà poi la band Aftersat, composta interamente da studenti federiciani, vincitrice del contest musicale «Talent live F2 Radio Lab». A chiudere il tutto un concerto della Nuova Orchestra Scarlatti. Venerdì 10 giugno, invece, sarà dedicato ai riconoscimenti agli studenti meritevoli e ai laureati illustri. I primi saranno in tutto 39, dei quali più della metà già nati nel terzo millennio. «Siamo già alla generazione Z», ha commentato il Rettore. Da sottolineare in questo caso la predominanza di studentesse: saranno infatti 23 le donne premiate, mentre 16 gli uomini. Per la premiazione la Federico II ha scelto quegli studenti modello che alla data del 31 ottobre 2021 avevano superato tutti gli esami previsti con una votazione superiore a quella media del corso di studio. Inoltre, leggendo i nomi dei laureati illustri, la Federico II conferma il suo ruolo di fucina di eccellenze professionali e culturali. Saranno infatti premiati il medico Paolo Ascierto, l’attrice Miriam Candurro, il generale Sergio Costa (già ministro dell’Ambiente), il ministro degli Interni Luciana Lamorgese, l’imprenditore Massimo Moschini e il giurista, nonché presidente di Save the Children, Claudio Tesauro

Video

Nel corso della conferenza stampa di presentazione del compleanno federiciano, gli interventi del Rettore Lorito e della Prorettrice Rita Mastrullo sono stati intervallati da video di studenti ed ex studenti la cui esperienza universitaria, sia essa di eccellenza o di riscatto, simboleggia quello che è lo spirito dell’antico Ateneo napoletano. Come la storia di uno studente del Polo Universitario Penitenziario, detenuto di alta sicurezza, iscritto all’ultimo anno del corso di laurea in Scienze e Tecnologie Erboristiche, che si laureerà alla fine di questo anno accademico. Oggi questo studente svolge un tirocinio presso la farmacia dell’istituto penitenziario nel quale è detenuto. Oppure la vicenda della studentessa afgana Sakina Hassani: la Federico II si è impegnata affinché riuscisse a lasciare l’Afghanistan lo scorso agosto per realizzare il suo desiderio di studiare all’università. Oggi Sakina studia Tecnologie digitali per le costruzioni ed è riuscita a ricongiungersi in Italia con suo marito, brillante ex studente federiciano, laureato in Ingegneria meccanica. Ha inviato il proprio video saluto anche l’ingegnere Roberto Carlino, laureatosi alla Federico II, oggi impegnato nell’importante simulazione Nasa di una missione umana su Marte. La conferenza ha riservato attenzioni anche agli studenti di oggi: come la dottoranda Carmen Ferrara, laureata in Scienze Politiche, attualmente al secondo anno di dottorato di ricerca in Mind, Gender and Language. Insomma, tanti eventi con al centro gli studenti per questo compleanno accademico che, come riferito dal professor Lorito, «si concluderà con un regalo alla città che faremo in piazza Municipio con un bellissimo concerto dell'Orchestra di Piazza Vittorio, per il quale ci aspettiamo grande partecipazione». «Sarà un messaggio di pace, interculturale e di grande attualità», ha concluso. Allora, tanti auguri alla Federico II!

Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 08:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA