Luciano De Crescenzo tifoso del Napoli: «Una finta di Maradona scioglie il sangue nelle vene»

di Marco Perillo

0
  • 1519
«San Gennaro mio, non ti crucciare, lo sai che ti voglio bene. Ma na finta 'e Maradona scioglie 'o sanghe dind''e vene... E chest'è!». È la celeberrima frase del personaggio del poeta in «Così parlò Bellavista» in onore di Diego Armando Maradona, che proprio in quegli anni, dal 1984 fino al 1991, faceva impazzire i napoletani.
 


Un'epoca d'oro per la città partenopea, che dopo il terribile terremoto dell'80 si risollevò da tanti punti di vista. E in quella Napoli ambientò i suoi film Luciano De Crescenzo, da sempre tifoso della squadra azzurra. Immortali sono le immagini che lo vedono sul campo dello stadio San Paolo durante i festeggiamenti del secondo scudetto partenenopeo, in compagnia di Marisa Laurito. Al primo scudetto De Crescenzo dedicò un libro raro e introvabile edito da Mondadori, «La domenica del villaggio» con le fotografie di Sergio Siano.



De Crescenzo seguiva sempre a distanza gli azzurri ma il giorno del primo scudetto, nell'87, era in campo travestito da fotografo. Tanti sono gli aneddoti che ha raccontato sulla sua passione per la maglia azzurra. Uno dei più significativi è questo: «Ricordo come oggi, la prima volta che ho pianto. Avevo nove anni, mio padre mi portò allo stadio Ascarelli a seguire la partita tra il Napoli e l'Ambrosiana, che oggi è l'Inter. Perdemmo all'ultimo minuto, all'ultimo secondo: iniziai a piangere disperatamente, a dirotto ed in quel momento lo realizzai. Ero un tifoso del Napoli e così è sempre stato, è e saranno sempre una sofferenza genuina. Credo che tifare per la squadra della propria città sia un fatto normale. E quelli napoletani sono degli ottimi tifosi. Maradona? L'ho conosciuto quando ero ingegnere, però non ci fu molto dialogo, forse non destai il suo interesse... Però mi fece una buona impressione, lo considero una brava persona».
 
 

Non si è fatto attendere il cordoglio del Calcio Napoli per la scomparsa dell'igegnere filosofo: «Ciao Luciano!» è il tweet di addio.

 
Giovedì 18 Luglio 2019, 17:19 - Ultimo aggiornamento: 18-07-2019 18:58
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP