Mann, così il nuovo colpo d'occhio sul plastico degli scavi di Pompei

di Carlo Avvisati

  • 68
Muoversi con gli occhi a «volo d'uccello» sul modello in sughero degli scavi di Pompei, il plastico custodito nel grande salone dell'Archeologico napoletano, non sarà più solo utopia. Lo si potrà fare a fine anno, affacciandosi dall'antica balaustra, quando l'intero ambiente verrà recuperato, reso sicuro per turisti e studiosi e restituito alle visite. Intanto, quel modello, che occupa una superficie di quasi trenta metri quadri, è diventato un Atlante cartaceo contenente la storia perduta degli scavi di Pompei e delle decorazioni che impreziosivano domus e monumenti pubblici cittadini, che verrà proposto in maniera multimediale attraverso una serie di monitor che, dalle pareti della sala, rilanceranno immagini del plastico altrimenti non visibili.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 6 Settembre 2019, 11:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP