Mediterraneo, fotografie tra terre e mare: ecco l'edizione 2016 | Foto

La rassegna di fotografie "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" edizione 2016 parte martedì 31 maggio alle ore 12 al teatro dell'Accademia di Belle Arti di Napoli con il coordinatore della scuola di specializzazione di fotografia Fabio Donato e la partecipazione della Biblioteca Nazionale di Napoli, dell'Archivio di Stato di Napoli.
 
 

La rassegna di fotografie che parla del Mediterraneo attraverso l'attualità, la cultura e la società, porta tutte le immagini selezionate in un'unica città prima di spostarsi altrove. Napoli accoglierà le 160 fotografie di 15 fotografi provenienti da tutta Italia. Infatti, l'Accademia di Belle Arti di Napoli ospiterà le stampe del "Laboratorio di Fotografia per Donne Straniere" realizzato da "Lo Cunto" Aps in collaborazione con il Ceicc, Centro Europeo di Informazione Cultura e Cittadinanza del Comune di Napoli. All'Archivio di Stato di Napoli sarà possibile vedere le stampe delle 7 fotografe Iole Capasso, Francesca De Caro, Greta Gandini, Antonella Monzoni, Giuliana Rogano, Natalia Saurin, Mara Scampoli, selezionate per "Sguardo di Donne sulle Donne del Mediterraneo". Ancora alla Biblioteca Nazionale di Napoli, si potranno vedere le immagini di Martino Chiti, Michele Crameri, Flaviana Frascogna, selezionati per il Premio Mediterraneo 2016. Al Pan, Palazzo delle Arti di Napoli, invece, le 60 stampe sull'attualità dei fotografi Giuseppe Cabras, Gabriele Cecconi, Francesco Fratta, Graziano Panfili, Giuliana Rogano, Franco Sortini, prenderanno forma durante l'allestimento. La rassegna si sposterà, a Roma il 16 giugno per la presentazione dell'edizione 2016 di "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" alla sede di UNIMED, Unione delle Università del Mediterraneo. Presentazione che avvierà un convegno sul tema "Il fattore femminile come componente essenziale dei processi di evoluzione culturale e sociale" all'interno del quale si produrranno una serie di riflessioni trasversali che vedono il coinvolgimento dell'UNIMED, della Sapienza Università di Roma, di Arabpress e altre istituzioni. A conclusione del convegno, nella sede di Le Artigiane-Galleria Roma sarà inaugurata la mostra "Sguardo di Donne sulle Donne del Mediterraneo" e ancora alle ore 19 alla Libreria Fahrenheit 451 è possibile vedere la mostra che raccoglie i progetti fotografici sul "Ghetto di Venezia" di Davide Calimani, la serie "Tracce" di Lorenzo Pesce e le immagini da Lesbo di Christian Minelli, del circuito off dell'edizione 2016 di "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare". A fine giugno, l'esposizione dei progetti selezionati per il PREMIO Mediterraneo 2016 sarà portata a Venezia. Infatti il 28 giugno si terrà l'inaugurazione all'Hotel Giorgione di Venezia in compagnia dei tre fotografi al di sotto dei 40 anni, Martino Chiti, Michele Crameri, Flaviana Frascogna. Gli eventi organizzati nell'ambito di "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" edizione 2016, si concluderanno il 14 e il 15 luglio a Napoli dove CESURA, il gruppo di giovani reporter indipendenti, svolgerà il WORKSHOP “put yourself in the situation"

CORSO PER GIOVANI REPORTER IN TERRITORIO DI CONFLITTO alla Villa Pignatelli- Casa della Fotografia. Gabriele Micalizzi, fotoreporter, e fondatore di CesuraLab sotto la direzione artistica di Alex Majoli, darà una serie di nozioni pratiche e operative per organizzare un reportage in zone di conflitto. Anche per l'edizione 2016 la rassegna ha accolto i Patrocini della Commissione Europea, della Regione Campania, del Comune di Napoli, dell'Ordine Nazionale dei Giornalisti, dell'Unione delle Università del Mediterraneo e il partenariato dell'Accademia di Belle Arti di Napoli, della Biblioteca Nazionale di Napoli, dell'Archivio di Stato, del Pan, Palazzo delle Arti di Napoli, rientra nella manifestazione Giugno Giovani organizzata dall'Assessorato ai Giovani del Comune di Napoli, e della Villa Pignatelli- Casa della Fotografia. Inoltre ha dialogato con i partner culturali Cesura, Le Artigiane-Galleria, Libreria Fahrenheit e con i Media Partner ArtsLife magazine onliComunicatoStampa1: NapoliMediterraneo2016 Media Partner Partner Culturale ne dedicato all'arte a 360gradi, SmallZine trimestrale di Arte Contemporanea, e il quotidiano del Sud Italia Corriere del Mezzogiorno. Composita la giuria scelta da "Lo Cunto" Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, che organizza e cura "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare" per l'edizione 2016 della rassegna di fotografie. Nata nel 2012, la rassegna "Mediterraneo: fotografie tra terre e mare", che si svolge tra la metà di maggio e metà luglio, coinvolge più di una città all'interno del cui tessuto urbano una serie di spazi accolgono le mostre dei fotografi selezionati attraverso i bandi. I percorsi espositivi interni alle città mettono insieme strutture con rilevanza storico- architettonica e strutture invece contemporanee. Dunque la finalità della rassegna non risulta essere solo quella dei dialoghi tra la fotografia e la cultura, tra differenti generi della fotografia e tra generazioni di fotografi, ma anche dei dialoghi a favore della valorizzazione del patrimonio storico-architettonico. Il focus resta la fotografia come visione, sguardo, attraverso cui osservare e conoscere altre culture, l'altro da se. Il cuore della rassegna, dunque, resta la fotografia e l'arte in quanto l’arte fornisce un contributo essenziale alla interazione tra culture. La fotografia come espressione artistica, concorre a veicolare maggior conoscenza e la conoscenza facilita la socialità. Il Mediterraneo è un’area di mediazione che ha realizzato fin dall’antichità un laboratorio di intrecci culturali ed artistici, che ha prodotto e suggerito linee di sviluppo singolari tanto quanto motivi di attrito elevando quest’area a “sperimentale” luogo di relazioni dove le culture e le arti coesistono, dialogano, si contaminano. Il Mediterraneo è il territorio ideale da raccontare, da conoscere, da scoprire e svelare, nonostante la sua storicità, attraverso cui interagire perché molteplice e allo stesso tempo nuovo. E quale media, mediatore e comunicatore, migliore della fotografia per agire questa socialità? “Lo Cunto” Associazione di Promozione Sociale, senza scopo di lucro, cura l’organizzazione e promuove il progetto espositivo “Mediterraneo: fotografie tra terre e mare”. L’associazione persegue finalità culturali, sociali e formative nell’ambito della conoscenza, della fotografia e dell’arte e la loro divulgazione attraverso esposizioni, pubblicazioni e seminari. “Lo Cunto” favorisce la comprensione tra le culture e le generazioni attraverso l’interscambio di esperienze e risorse di differenti nazionalità, in particolare negli ambiti della fotografia e dell’arte.

L’UNIMED, Unione delle Università del Mediterraneo, fondata nell’ottobre del 1991, è un’associazione di Atenei dei Paesi che si affacciano sul bacino del Mediterraneo (www.uni-med.net). Attualmente aderiscono e sono in via di adesione a UNIMED 88 università provenienti da 21 paesi di entrambe le sponde del Mediterraneo. L’UNIMED ha lo scopo di promuovere la ricerca universitaria e la formazione nella regione euro mediterranea per contribuire alla cooperazione scientifica, culturale, sociale ed economica. L’UNIMED è una rete di università che opera in diversi ambiti tanti quanti sono compresi nelle diverse università afferenti. Cesura è un gruppo indipendente di giovani fotografi che produce progetti fotografici e stampa fotografie offrendo, per l'edizione 2016 della rassegna, sia la possibilità a chi lo richiederà di stampare presso il laboratorio di CesuraLab, sia sviluppando workshop come offerta formativa da proporre in alcune delle città coinvolte. LeArtigiane.it nasce nel Novembre 1999 da un’idea di Livia Carchella e Bruna Pietropaoli. Oggi ha un suo spazio espositivo permanente al centro di Roma. Le Artigiane è un centro culturale, è un negozio, è lo sviluppo di un sito di e-commerce, un luogo di aggregazione, un’idea imprenditoriale di successo, tutto al femminile. La libreria Fahrenheit 451 Roma svolge la sua attività di spaccio trionfante di libri nuovi e rari dal 1989 in Campo de’ Fiori. Attenta soprattutto alle arti figurative, cinema, fotografia e teatro, è il luogo ideale dove passare le serate alla ricerca dell'introvabile sui banconi dei supermercati del libro.
Giovedì 19 Maggio 2016, 16:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP