Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Addio a Romolo Runcini, il «professore mago» che amò Napoli

Lunedì 8 Settembre 2014 di Marco Perillo
Addio a Romolo Runcini, il «professore mago» che amò Napoli
Segui Il Mattino su Facebook, clicca qui







Addio a Romolo Runcini, scrittore e creatore di sogni; professore per tanti anni a Napoli e profondo esponente della letteratura fantastica.



Runcini si è spento oggi a 89 anni; per diverso tempo ha abitato a Procida dove non riuscì nel sogno di trasformare la sua casa piena di giocattoli e libri in un museo permanente.



Runcini - lucano di Potenza, classe 1925 - arrivò a Napoli nel 1972 per insegnare Sociologia della Letteratura all'Istituto Orientale. Vi rimase fino al 1997. Poi la parentesi di Procida, l'isola d'Arturo incontaminata, dove portò circa 20mila volumi grazie a un progetto per la realizzazione di un Centro Studi sul Fantastico. Tante le sue pubblicazioni - soprattutto saggi - sul particolare genere letterario, che va dall'horror al fantasy. Un perosonaggio molto amato a Napoli e che mancherà a molti.
Ultimo aggiornamento: 11:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA