Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli Est, l'impegno di Manco
in un libro presentato con don Battaglia

Sabato 21 Maggio 2022 di Alessandro Bottone
Napoli Est, l'impegno di Manco in un libro presentato con don Battaglia

L'esperienza con i giovani di periferia, il momento della conversione, la voglia di mettere insieme tante energie positive per un futuro migliore. Sono alcuni dei temi affrontati nel libro 'Una storia di provvidenza' di Carmela Manco, presidente dell'associazione Figli in Famiglia, presentato oggi proprio tra gli spazi dell'Oasi di via Ferrante Imparato a San Giovanni a Teduccio, quartiere nella zona orientale di Napoli. Alla presentazione del testo - edito da ‘editoriale scientifica’ per la collana 'il grifone' - sono intervenuti l'editore Alfredo De Dominicis, il professor Giacomo Di Gennaro, ordinario di sociologia presso l'Università Federico II, l'Arcivescovo metropolita di Napoli, don Mimmo Battaglia, che ha curato la prefazione, e il Consigliere di Stato Marco Valentini che ha scritto le pagine della postfazione.

Da anni Carmela Manco guida la realtà associativa che accoglie giovanissimi e famiglie in tutta una serie di attività educative, ludiche e ricreative. Un ex capannone abbandonato del quartiere di Napoli Est è stato riqualificato e trasformato in una casa che accoglie tante energie positive del territorio così come persone che vivono diverse forme di disagio, come povertà e disoccupazione ma anche isolamento e smarrimento. L’impegno quotidiano e la voglia e la necessità di fare rete sono stati sottolineati dall'autrice del libro così come dall'Arcivescovo Battaglia il quale ha conosciuto Figli in Famiglia nel corso delle prime ore del suo incarico attraverso un viaggio nelle periferie della città. Don Mimmo, ricordando alcuni episodi del passato in giro per il Mondo, ha detto che nessun bambino deve sentirsi orfano di un educatore.

L'Arcivescovo, ancora una volta, insiste sulla necessità di percorsi di educazione e formazione per i giovanissimi così come voluto con il patto educativo firmato nei giorni scorsi insieme a diverse istituzioni. Inoltre, don Mimmo ha evidenziato l’importanza del “noi” rispetto alla “logica dell’io”: una coralità che emerge dal lavoro di Figli in Famiglia grazie alla sinergia di operatori ed educatori.

 

Il Consigliere di Stato Valentini ha conosciuto l'associazione di San Giovanni a Teduccio nel periodo in cui ricopriva l'incarico di Prefetto di Napoli. Da alcuni incontri con Carmela e con gli educatori è venuta fuori l'idea di raccontare l'importante lavoro e le esperienze attraverso un libro facendo emergere la positività di quanto si realizza senza lasciarsi prendere dalla retorica. Il professor Di Gennaro ha spiegato che nel testo emergono due aspetti in particolare: da un lato la dimensione dell'interiorità dell’autrice che è trasversale a tutto il racconto, dall'altro l'empatia provata da Carmela nei confronti delle altre persone per le quali opera.

Video

All'evento era presenti i rappresentanti delle forze dell'ordine, delle autorità civili e religiose e delle istituzioni. C'erano anche i rappresentanti di altre realtà associative che operano in città insieme ai tanti sostenitori della realtà di Napoli Est.

Ultimo aggiornamento: 16:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA