Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Napoli, la mostra di Carla Castaldo accessibile anche ai non vedenti

Lunedì 4 Luglio 2022
Napoli, la mostra di Carla Castaldo accessibile anche ai non vedenti

Altro che «vietato toccare». «Frammenti d'oro», la mostra di Carla Castaldo è al centro di un dibattito fortemente voluto questo pomeriggio per spiegare il senso di un'iniziativa speciale. Organizzata nelle Sale delle Terrazze di Castel dell’Ovo di Napoli, la personale è visitabile fino all'8 luglio e, attraverso un percorso multisensoriale, accessibile anche ai non vedenti, 320.000 in Italia. Ma le persone con un deficit visivo grave sono molte di più: oltre un milione, fanno notare Ritmarte Lab e l’Unione italiana ciechi e ipovedenti, promotori dell'appuntamento di oggi.

Si tratta di un'esperienza immersiva, che permette di esplorare con il tatto le opere dell’artista e, al tempo stesso, consente di ascoltare la musica del maestro Maurizio Saggiomo cui si aggiungono i profumi studiati ad hoc e proposti dallo sponsor "Pepino". Obiettivo: da un lato sensibilizzare l'opinione pubblica sulla importanza di rendere accessibile l'arte a tutti; dall'altro, mostrare alcune soluzioni sostenibili, ma anche grazie alla peculiare natura tridimensionale, le opere di Carla Castald si prestano ad essere apprezzate pure da persone non vedenti o ipovedenti.

Ultimo aggiornamento: 19:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA