Napoli, nasce la nuova Bagnoli: set e concerti nell'ex Nato

Domenica 7 Aprile 2019 di Alessandra Farro
Dopo che, per anni, si è pensato che a Bagnoli, nei luoghi che furono dell'Italsider, dovesse sorgere la cittadella dello spettacolo che a Napoli ancora non c'è, vuoi vedere che succederà, ma nell'ex base Nato, nel parco San Laise?

Dismessa dal 2012, a seguito del trasferimento della base militare a Lago Patria, l'area sembra oggi tenere insieme gli interessi di diversi soggetti che lavorano nella filiera dell'entertainment: quello musicale e quello cinematografico, in primis, ma non solo. Diversi soggetti, e progetti, camminano a braccetto, per ora senza incontrarsi, almeno non ufficialmente.

Da un lato ci sono un gruppo di manager musicali, ben noti in città: Peppe Gomez, Lele Nitti (Ufficio K), Sigfrido Caccese (passato dal «Neapolis festival» al Duel:Beat e alla perenne ricerca di spazi) e il patron del Palapartenope Rino Manna, reduce dalla festa per i suoi 80 anni, si sono uniti per creare, appunto, un nuovo spazio per concerti, ma non solo.
 
Ex Base è il nome, non ancora ufficiamente presentato, che campeggia in nero su sfondo bianco tra i manifesti nelle strade di Napoli, una pubblicità enigmatica che comincia a disvelarsi: Ex Base è, infatti, il nome che i quattro soci, in collaborazione con Patrizia Stasi, presidente della Fondazione Banco di Napoli all'assistenza per l'infanzia, hanno voluto dare all'ambizioso progetto. Un unico, grande, spazio polifunzionale, a ingresso gratuito eccetto per i principali concerti - in cui coesisteranno un cinema all'aperto, il fronte del palco, una discoteca aperta ogni sabato sera e un teatro per cui è stato lanciato un bando, in accordo con la decima municipalità, rivolto ad artisti o aspiranti tali di teatro, danza e musica per proporre delle opere originali da portare in scena durante la programmazione di giugno e luglio.

Accanto ai debuttanti assoluti, ai ragazzi del quartiere, agli aspiranti artisti ci saranno però i protagonisti dei suoni del momento. Due le date già annunciate: il 6 giugno con Luche', ex Co'Sang e rapper da classifica, e con Carl Brave il 23 luglio. Per ora non ci sono sovrapposizioni con la programmazione della vicina Arena Flegrea, ma è chiaro che Ex Base prova a sfidare la struttura di Fuorigrotta anche perché i quattro manager coinvolti da tempo lamentano di non poterla affittare, come si faceva un tempo, per proporre la loro programmazione. Gomez, però, si dice «propenso alla cooperazione e distante dalle logiche concorrenziali». L'inaugurazione è prevista per il 1 giugno, poi l'Ex Base dovrebbe essere aperta tutti i giorni, con servizio bar e ristorazione dal giovedì alla domenica.

Intanto, c'è già la Film Commission Regione Campania che approfitta dell'enorme area abbandonata nel parco San Laise, e in particolar modo del palazzetto D, dove è attualmente in corso, ad esempio, la preproduzione della trasposizione televisiva, divisa in sei puntate, della saga sul commissario Ricciardi, tratta dai fortunati romanzi di Maurizio de Giovanni, prodotta da Clemart e diretta da Alessandro D'Alatri.

Ma nell'ex base Nato il cinema non lo si prepara solo, lo si fa anche: è qui che, appena l'altroieri, Cristina Comencini ha girato alcune scene del suo nuovo film, «In buona compagnia». Prodotto da Lumière, si tratta di un thriller psicologico con Vincenzo Amato e Giovanna Mezzogiorno, che torna sul set insieme alla Comencini dopo il pluripremiato «La bestia nel cuore», candidato agli Oscar come miglior film straniero nel 2006. La pellicola è ambientata in città, ma in due dimensioni temporali diverse, gli anni Sessanta e i Novanta, che rappresentano il passato e il presente di Alice (la Mezzogiorno), un'italoamericana, che si ritrova a tornare a Napoli dagli Usa dopo parecchi anni a seguito della morte del padre, un ex militare. Le riprese finiranno a metà del mese nella grotta di Seiano e hanno già coinvolto Nisida, Posillipo e l'ex base Nato.

È ancora qui, che Nicolangelo Gelormini, dopo il il video di «All the things», il 12 e il 13 terrà le riprese del suo primo lungometraggio «I fiori blu», un dark fantasy tratto da una storia di cronaca nera. Il film, prodotto da Davide Azzolini con Dazzle Communication e con protagonisti Pina Turco, Libero Di Rienzo e Valeria Golino, finora è stato girato a Monteruscello, Pozzuoli e Castel Volturno, prima degli ultimi ciak nell'ex base militare. Ultimo aggiornamento: 12:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA