Napoli ostaggio di crolli e distacchi, partono i lavori al teatro San Carlo

di Pierluigi Frattasi

Il Teatro San Carlo si rifà il look. Al via il restyling da oltre un milione di euro per rimettere a nuovo le facciate e il colonnato, danneggiate dalle intemperie e dallo smog negli ultimi anni, e riportare il Massimo Lirico napoletano agli antichi splendori, recuperando anche il colore originale con la tinteggiatura marmorea e varie tonalità di grigio, al posto dello sbiadito verdognolo attuale. I lavori, finanziati con i Fondi Sviluppo e Coesione, su progetto del Provveditorato alle Opere Pubbliche della Campania e del Molise, partiranno nei prossimi giorni. Durata, circa 7 mesi. Si prevede di completare l'intervento entro il 31 luglio prossimo.

Il cantiere interesserà una parte di piazza Trieste e Trento e il porticato su via San Carlo e sarà allestito nell'area a ridosso del sottopasso, fino all'accesso della caffetteria. All'interno del cantiere troveranno posto due grandi silos per la produzione della malta degli intonaci e della muratura, wc e spogliatoi per gli operai, uffici e depositi, oltre all'area di stoccaggio dei materiali. Nonché il montacarichi, allestito sulla facciata che dà su piazza del Plebiscito. I mezzi pesanti accederanno da piazza Trieste e Trento in un corridoio tra il colonnato del teatro e il sottopasso. Il tutto sarà delimitato da transenne, mini new jersey e recinzioni grigliate. Il Teatro continuerà ad essere aperto al pubblico, i lavori non influiranno minimamente sulla programmazione degli spettacoli.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 3 Gennaio 2019, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP