Fondi al Teatro San Carlo, sindacati in rivolta: tutti contro Fiola

di Donatella Longobardi

«Finora abbiamo mantenuto una posizione autonoma nell'ambito del consiglio camerale, ma su questa vicenda del taglio ai finanziamenti al San Carlo siamo contrari». Giovanni Sgambati segretario generale della Uil Campania non ci sta. E, raccogliendo le posizioni del segretario generale della Camera del Lavoro Walter Schiavella e di Giampiero Tibaldi della Cisl, attacca il presidente della Camera di Commercio Fiola che ad inizio d'anno ha chiuso i rubinetti al teatro. Per prima cosa bisogna tutelare i lavoratori del San Carlo, maggiore impresa culturale cittadina, insiste Sgambati che è rappresentante delle organizzazioni sindacali all'interno dell'ente camerale. È vero che i fondi della Camera di Commercio sono risorse delle imprese, ma già Napoli non ha grandi impegni da parte dei privati né ci sono grandi imprese o istituti bancari come al Nord, sarebbe istituzionalmente non corretto tagliare anche questi fondi. Purtroppo dalle nostre parti non si ragiona mai super partes, aggiunge Sgambati, e inoltre il ricorso pendente sulla nomina di Fiola lo obbligherebbe ad una maggiore prudenza.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 4 Gennaio 2019, 10:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP