Napoli, nuove scoperte dalle terme romane di via Terracina

Nuove scoperte dalle terme romane di via Terracina
di Antonio Cangiano

  • 580
Interessanti scoperte dalle terme romane di via Terracina, nel quartiere Fuorigrotta a Napoli. Gli studenti dell’università di Napoli L’Orientale e Federico II e del Molise, coordinati dai professori Marco Giglio e Gianluca Soricelli, stanno riportando alla luce in un’area prossima alle antiche terme, un tratto basolato dell’antica via Puteoli Neapolim, che collegava il porto di Pozzuoli con la città di Napoli e ancora, nell’area residenziale del complesso termale, un pregevole pavimento in cocciopesto.

«La campagna di scavo del 2019  presso l’area archeologica delle terme romane di via Terracina, è dedicata alla comprensione dei resti di un complesso edilizio che si affianca all’impianto termale» fa sapere l’archeologo Marco Giglio, docente di Metodologia e tecnica della ricerca archeologica per l’Università L’Orientale di Napoli e responsabile, assieme all’archeologo Gianluca Sorricelli, docente associato di Storia romana presso l'Università del Molise, della campagna di scavo in corso. 
 
 

«La fondazione del complesso edilizio, con diversi ambienti a destinazione commerciale e residenziale,  risale a un periodo compreso tra  la fine del II e l’inizio del III sec. d.C,  ed è strettamente collegato alle terme da una serie di accessi. Qui abbiamo messo in luce un piano pavimentale in cocciopesto decorato con intarsi marmorei in un ambiente servito da un corridoio laterale, di cui non abbiamo ancora individuato la destinazione. Il nostro lavoro consiste nel  riprendere le indagini della struttura da dove gli archeologi, negli anni ’30, si sono fermati».

E seguendo le indicazione lasciate da questi, in particolare un filare di pini piantati lungo la direttrice dell’antica via Puteoli Neapolim, l’equipe di studenti, guidata dagli archeologi Giglio e Sorricelli, hanno riportato alla luce un tratto dell’antica via. «L’asse viario principale era già stato individuato durante gli scavi del 1940 ma da allora se ne era persa la conoscenza. Al momento abbiamo rimesso in luce il margine della strada, il basolato e l’ampio marciapiede che separava la carreggiata stradale dal complesso termale».
 
Martedì 16 Luglio 2019, 14:23 - Ultimo aggiornamento: 16-07-2019 15:03
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP