«‘O rre migrante beneditto ncopp’o presepio»: sul Mattino il primo editoriale in Napoletano

di Pietro Gargano

0
  • 52
Da oggi e ogni sabato, sul Mattino, il commento in lingua napoletana a firma di Pietro Gargano. «’O trummetta» riprende la storica figura del “trombetta” della Vicaria, bardo di epoca vicereale a Napoli.

Zè maeste e signure ncravattate, preddonate si m’apprisento. Songo ‘o Trummetta ‘a Vicaria. ‘O tiempo ‘e na vota, mmiezo a tante anarfabete, tenevo allimeno nu tantillo ‘e leggere e scrivere. E pirciò arrivavo ‘o puntone ‘e nu vico, cacciavo ‘o strumento, nce sciusciavo forte a dinto e perepé perepé perepé. Chi passava se fermava attuorno a me e io liggevo. strangiandole a modo mio, tutt‘e carte d’ ‘e tribunale. Quaccheduno chiagneva pe’ no parente carcerato o c’aveva abballà ncopp’a forca, tant’ate sbariavano cu parole scumbinate e accussì me facevo na panza tanta ‘e resate, comme si stesse dint’ ‘a nu triato. M’arricriavo e me pavaveno pure. Me pavavano poco, epperò ‘o ppoco è sempe meglio ‘e niente.

‘O repertorio s’allargava, io passaje a cuntà ‘e fatte d’ ’e palazze e d’ ‘e vasce, comme a nu giurnale parlato, A mano a mano addiventaje ‘o trummetta d’ ‘o vino nuovo, pecché cantavo ‘e qualità ‘e na cantina appena araputa, pure si ‘o vino era na ciofeca. Accuminciaino a chiammarme pazzariello, accant’a mme ascettero scetavajasse e putipù. Po’, all’intrasatto, nun servevo cchiù e me dicettero: fatte a llà, è ll’ora d’ ‘a pensione, ‘o munno è d’ ‘e guagliune. Allora pecché tanti guagliune nun teneno ‘a fatica? pensaje io.

Mo ca nun se ntenne si nu fatto è overo o favezo, mo ch’è ‘o tiempo d’ ‘e facheinius, so’ turnato ed eccomi qua. So’ turnato pecché ‘a gente ‘è deventata cchiù gnurante e, pe’ ghionta ‘e ruotolo, ccà abbascio nun tutte quante sapeno ausà fessbuk, uozzappe, tuitter ca canta comm’a ll’aucielle. Nzomma, chella robba curiosa ca chiammano sociàl. “La giustizia è uguale per tutti” sta scritto sulamente nfaccia ‘e tribbunale.

Accussì simmo addiventate tutte ancora meno uguale d’allora. ‘A sciorta te vene ‘a quanno sì nato e addò sì nato. ‘E guagliune sanno ausà internette, ‘e viecchie no. ‘E settentrionale internette so’ ponno accattà, assaje meridionale no. E’ nu scumbino. Io servo ancora perché so’ a gratisse, praticamente. Perepé perepé perepé, gente d’ ‘o popolo e gente d’ ‘a piazza stateme a sentì…

Quanno so’ turnato mmiez’ ‘a via, pe’ fa’ festa aggio miso ncopp’ ‘o presepio nu pasturiello ca m’arrassumiglia. No, nun so’ ghiuto a San Gregorio Armeno a m’accattà ‘na fiurella nova. Aggio araputo ‘o cascione, aggio truvato‘o sunatore è trummetta d’ ’a banda d’ ‘e nire e l’aggio piazzato annanz’ ‘a capanna. Lle mancava nu vraccio e teneva ‘o turbante scardato, epperò faceva ancora ‘na bella fiura. Pe’ cumbinazione, o forse pecché ‘ e pasture d’ ‘o presepio teneno ‘a capa ‘ncapo, s’é piazzato azzicco azzicco a ‘o rre niro. chillo cu ‘a pelle comm’ ‘o cravone, ‘e capille comme a ll’onne e ‘o musso abbuffato comm’a nu canotto. Chillo cu ‘e sorde ca ll’esceno ‘a tutte parte, Chillo ca rialaie ‘o ncienzio a ‘o Bammeniello. ‘O chiammammo ancora Baldassarre, stu mago venuto ‘a ll’Africa, ‘O nomme suoio tene luntane ‘e dulure ‘e panza, giurano ‘e viecchie,

‘A sera d’ ‘a Pasca Pifania appicciaje ‘a televisione e sentette che, ‘na vota tanto, a signora cu ‘a pezza a cummiglià ll’uocchie nce aveva visto bbuono, facenno chiovere ‘e meliune d’ ‘e parte ‘e Napule. E’ o mestiere mio e pirciò jette annanze ‘o presepio pe’ cuntà ‘e nummere asciute. San Giuseppe scapuzzaje ‘e soddisfazione e me parette ca Baldassarre faceva nu zumpo. Fratemo cucino dicette; “Aspiette a ridere, secondo me ‘e bigliette l’hanno accattate milanese ca passavano cu ‘a machina”.

‘O juorno appriesso ‘o rre niro se n’aveva i’ cu ‘e cumpare suoie, comme tradizione cummanna. Aggio piazzato dint’ ‘o cascione tutt’a ll’ati pasture e ‘o posto lloro aggio sistimato ncopp’ ‘o scoglio ll’aneme d’ ‘o priatorio, chelle cu ‘a capa ca esce a dint’ ‘o ffuoco pe’ cercà rifrisco. Ma, v’aggia dicere ‘a verità, nun aggio tenuto ‘o core ‘e caccià a Baldassarre e l’aggio lassato llà. ‘O penziero è vulato a tante povere crestiane - tale so’ pure si so’ musulmane - ca morono ‘nfunno ‘o mare p’arrivà nfino a’ terra nosta. Nuje ‘a jastemmammo, ‘a terra nosta, addò pure ncopp’ ‘e pprete ‘a nave cammina e ‘a fava se coce, a lloro pare invece nu paraviso. Primma ‘e stutà ‘a luce dint’ ‘a stanza d’o presepio, m’aggio allummato na bacchetta ‘e ‘ncienzio, che bell’addore.

Pure tanta secule fa venevano addu nuje tante ‘e chisti disgrazziate (cu ddoje zeta, pecché ‘e parole causante vanno raffurzate, vide ammore e famma), e nun nzerravamo ‘e puorte, benzì l’e devemo ‘na mano a scennere ‘nterra e ll’arapevemo quartiere, comm’a Furcella.. ‘Sti puverielle facevano ‘na brutta fine sulo pe ‘mmano ‘e Romane e allora dint’ ‘e chiesie facettemo sette Madonne nere e tanta sante cu ‘a faccia abbrustuluta.
‘E chiocche mo se so’ fissate ncopp’ ‘o pastore ‘e Hitler ‘o Furiere, c’ha fatto rummore a San Gregorio Armeno e cchiù a llà. Ma si è overo ca ‘o presepio è ‘na crastula ‘e specchio ‘e ll’umanità, allora è overo ca chi arrassumeglia nu tantillo a Hitler è turnato mmiez’a nuie, mmiezo a ll’applause. Ched’è nu vicesinnaco ca piglia ‘e cuperte e ‘o paltò ‘e nu furastiero senza casa, p’ ‘e ghittà fint’ ‘a munnezza? Pirciò io a Baldassarre nun ‘o levo cchiù. Perepé, perepé, perepé.
Sabato 12 Gennaio 2019, 11:55 - Ultimo aggiornamento: 12-01-2019 15:27
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP