Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Palazzo Reale di Napoli, inaugurata la mostra su Don Chisciotte tra cartoni e arazzi

Giovedì 19 Maggio 2022 di Alessandra Martino
Palazzo Reale di Napoli, inaugurata la mostra su Don Chisciotte tra cartoni e arazzi

Al Palazzo Reale di Napoli, questa mattina è stata presentata la mostra “Don Chisciotte tra Napoli, Caserta e il Quirinale: i cartoni e gli arazzi”, alla presenza dell’ambasciatore spagnolo in Italia Alfonso María Dastis Quecedo e del sindaco della città, Gaetano Manfredi 

Migliaia di scolaresche in gita a centro e turisti hanno riempito l’atrio dello storico edificio. «Questa è la novità degli ultimi mesi. -dichiara Mario Epifani- Dal mio insediamento eravamo abituati a pochi giovani e poche scolaresche, invece ora, siamo tornati in pieno regime. Un risultato eccezionale che testimonia l’interesse che Palazzo Reale suscita sui turisti. Di questo passo raggiugeremo facilmente i numeri del 2019».

Da oggi al 6 settembre 2022, il Palazzo ospiterà l’esposizione che ricostruisce la storia della serie di arazzi con ‘Storie di Don Chisciotte’ eseguiti dalla manifattura napoletana tra il 1757 e il 1779.  Curata da Mario Epifani, direttore di Palazzo Reale, e da Encarnación Sánchez García, professoressa di Storia della letteratura spagnola all’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”.

Video

La mostra illustra la storia della serie di arazzi realizzata nel Settecento dalla Real Fabbrica di Napoli e ispirata al romanzo di Miguel de Cervantes, con l’esposizione dei dipinti preparatori messi a confronto con alcuni degli arazzi conservati al Quirinale, le edizioni illustrate della Biblioteca Nazionale di Napoli e lo spartito dell’opera Don Chisciotte della Mancia di Paisiello, dal Conservatorio di San Pietro a Majella di Napoli.

«Questa mostra esalta lo storico legame tra Napoli e Spagna: il ciclo Don Chisciotte è un omaggio, fortemente voluto da Carlo di Borbone, a un monumento della letteratura iberica, oggi universalmente riconosciuto come uno dei massimi capolavori della letteratura mondiale. -afferma il direttore di Palazzo Reale, Mario Epifani- Ma anche una storia che collega Palazzo Reale al Quirinale attraverso oltre due secoli».

38 cartoni accanto a 7 arazzi (5 con episodi del romanzo e 2 decorativi), sono esposte nello spazio della Galleria del Genovese e nella sala XXIV dell’Appartamento Storico. È stato eseguito inoltre un accurato lavoro di restauro su trenta dipinti e venti cornici e ricostruita una nuova analisi di documenti d’archivio.

«In questo momento storico, in cui ci lasciamo alle spalle più di due anni di difficoltà e ci confrontiamo con un’epoca di incertezza, mi sembra particolarmente opportuno guardare all’esempio di Don Chisciotte. -Dice l’ambasciatore di Spagna in Italia, Quecedo- Una grande lezione di forza d’animo di fronte alle avversità e di fiducia in un futuro migliore».

Sono esposte alcune delle più antiche edizioni del romanzo; tra tutte spicca la editio princeps della prima parte, pubblicata a Madrid nel gennaio del 1605, di cui la biblioteca possiede dei 26 esemplari rimasti al mondo.

Ultimo aggiornamento: 17:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA