Parco Archeologico dei Campi Flegrei, 14 nuovi progetti per la valorizzazione

Sabato 22 Dicembre 2018
Parco Archeologico dei Campi Flegrei, 14 nuovi progetti per la valorizzazione

Quattordici progetti, con 23 milioni da investire per la valorizzazione dei siti archeologici flegrei e per le aree di collegamento, saranno realizzati dal Parco Archeologico dei Campi Flegrei, con la firma dell'accordo del disciplinare FSC con il Ministero dei Beni Culturali. L'obiettivo del direttore Paolo Giulierini, appena riconfermato ad interim, dopo nove mesi di mandato al vertice del Parco, è aprire una nuova fase con spazi trasformati in luoghi di vita. «È partito un progetto di rinnovamento culturale per un sito come quello dei Campi Flegrei davvero straordinario nella sua grandezza, storica e territoriale - ha detto Giulierini - Siamo impegnati in nuovi cantieri e in nuovi percorsi di rilancio, dai singoli siti alla Città Sommersa, che oggi gode di un regolamento. Al personale, che in questi nove mesi di mia direzione si è dedicato con abnegazione, va tutta la mia gratitudine».

I lavori di riqualificazione riguarderanno l'Anfiteatro Flavio, gli Scavi di Cuma e il Castello di Baia. «Immaginiamo un'arena per gli spettacoli, percorsi fruibili per tutti e luoghi vivi - ha illustrato il direttore del Parco - dove cultura e innovazione andranno in parallelo con la quotidianità della comunità locale e l'apertura alle esigenze dei turisti». Negli ultimi nove mesi si è registrato un incremento dei visitatori nei siti archeologici flegrei del 30% e col nuovo anno con il varo della carta MyFleg, abbonamento annuale che consentirà l'ingresso illimitato per 365 giorni, in tutte le aree del Parco e poi anche alle varie iniziative, si punta ad un ulteriore incremento di presenze

© RIPRODUZIONE RISERVATA