Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Pozzuoli, l'ex ristorante “Vicienzo a Mare” abbattuto, rinasce in un plastico

Giovedì 18 Agosto 2022 di Antonio Cangiano
Pozzuoli, l'ex ristorante Vicienzo a Mare abbattuto, rinasce in un plastico.

Ci sono perfino le riproduzioni in scala dei bicchieri e delle bottiglie apparecchiati sui tavoli. Stiamo parlando del plastico dello storico ristorante "Vicienzo 'a mmare" sul golfo di Pozzuoli, realizzato dal puteolano Davide Alimonti, con la collaborazione dello storico locale Antonio Isabettini.

Un lavoro certosino, come descritto dal maestro su Facebook: «Durante le fasi di abbattimento dell' ex ristorante “Vicienzo a mare” , pensai di allestire, in zona, una serie di tabelloni illustrativi che raccontassero con scritte ed immagini la storia dell' edificio. Lavoro che è pronto. Nel frattempo ci contattiamo con un amico puteolano che vive al Nord , un ottimo falegname, Davide Alimonti, che mi chiede aiuto storico, grafico del ristorante per costruire un modellino. La collaborazione va avanti per via telematica. Anche questo pregevole lavoro è pronto. Pubblico solo ora, in quanto sono ripresi i lavori. Contatto un ristorante della zona che sarà ben lieto di ospitarci in autunno per la presentazione. La serata sarà dedicata alla storia dell' antico edificio , con proiezioni di foto e video e la pubblicazione di un libretto rievocativo».

 

Realizzato sui resti dell'ex convento dei Cappuccini, il ristorante “Vicienzo a mare” è stato uno dei più importanti ristoranti dell'area flegrea. Frequentato da celebri attori ed artisti, nonchè set cinematografico di noti film, come “Catene”, un melodramma di Amedeo Nazzari e Roberto Murolo, campione d'incassi nel 1949 - 50. Sul finire degli anni ’70 l'edificio venbe raso al suolo e commissionata la ricostruzione di una struttura polivalente, ma fu subito dopo dichiarata abusiva dal demanio marittimo. Dopo vari stop and go burocratici, il manufatto, diventato un ecomostro, è stato definitivamente abbattuto a febbraio 2022.

© RIPRODUZIONE RISERVATA