Pozzuoli, è morto Carlo Santillo: fu l'ultimo «Caronte» della grotta della Sibilla sul lago d'Averno

Lunedì 24 Gennaio 2022 di Antonio Cangiano
È morto Carlo Santillo, l'ultimo "Caronte" della Grotta della Sibilla, sul lago d'Averno

Ha accompagnato per generazioni turisti e visitatori alla scoperta della “Grotta della Sibilla”, sulle sponde del Lago d'Averno, nei Campi Flegrei. Carlo Santillo se n'è andato oggi a 92 anni dopo una lunga malattia che lo aveva costretto a lasciare da qualche anno il suo «lavoro» nel mitico sito archeologico. 

Conosciuto con il soprannome di «Caronte», Carlo era figlio di una generazione di accompagnatori. Nel 1930 il padre aveva partecipato al completamento dello scavo del cunicolo sul lago che gli antichi consideravano l'ingresso all'Ade. 

Tante le manifestazioni di cordoglio e di affetto nei confronti dell'amato ex postino puteolano, apparsi stamattina su Facebook, da parte di chi lo conosceva personalmente o soltanto apprezzava la sua passione per questo sito archeologico, ricco di fascino e suggestione: «Sapeva creare con una semplice radiolina, l'atmosfera giusta durante la traversata della Grotta con una musica particolare adatta al luogo e una torcia in mano»; «Carlo Santillo non è più tra noi . Era il custode e guida della pseudo Grotta della Sibilla al Lago d'Averno. Vera memoria storica di quel luogo mitico ormai abbandonato» ; «Lo ricordo sempre.. una persona perbene e disponibile sempre.. » ; «Una bella persona, lo ricordo a lavoro, ma soprattutto quando mi fece visitare la grotta della Sibilla... Eccezionale e unico... Non dimentichero' mai quell' esperienza, che purtroppo né io né altri hanno avuto più la gioia di fare... » ; «Chi ha visitato la grotta non lo dimentica, lui ormai era insostituibile . Speriamo che si possa fare qualcosa per riaprire quel piccolo ma unico percorso verso il mistero».

Con la sua scomparsa la Grotta della Sibilla, che animava con estrema passione e dedizione, resta chiusa e in stato di totale degrado e abbadono. 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 16:49 © RIPRODUZIONE RISERVATA