Premio Luigi Necco, parata di stelle al Maschio Angioino di Napoli

Il premio per onorare la memoria del giornalista Rai scomparso quattro anni fa

La premiazione nella sala dei Baroni
La premiazione nella sala dei Baroni
Venerdì 11 Novembre 2022, 16:00
3 Minuti di Lettura

Fermento al Maschio Angioino nella sala dei Baroni per la prima edizione del premio Luigi Necco.

Un premio fortemente voluto e istituito dalla Fondazione Ad Astra, dall'Usip, dall'associazione medico sportiva Napoli, Assoartigiani Imprese Caserta e dall'Associazione Circoli Nautici della Campania. Un premio per onorare la memoria del grande e poliedrico giornalista Rai napoletano, scomparso quattro anni fa.

Ad aprire i lavori, la figlia Alessandra, presente in sala con Martina che ha emozionato il pubblico ricordando il grande papà.

Dopo il convegno sulla medicina dello sport a cura del professore Marcellino Monda, in presenza del sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi, ha avuto luogo la premiazione.

I fratelli Vicino, campioni olimpionici e mondiali di canottaggio sono stati premiati da Carmela Rescigno, consigliere regionale e presidente della Commissione Anticamorra e beni confiscati.

Stefano Schivo, responsabile gruppo sportivo Fiamme Oro sezione canottaggio è stato premiato da Riccardo Iuzzolino, presidente della Fondazione Innovazione e Cultura.

Ginevra Caracciolo, campionessa del mondo classe Ilca, della Lega Navale di Napoli e Manuel De Felice campione del mondo nella classe openskiff, del Circolo Nautico di Monte di Procida, sono stati premiati dalla designer della comunicazione, Gaia Di Napoli Napoli Modica, che ha realizzato il logo di questo evento. Carmine Mellone, presidente Cip Campania è stato premiato da Lorenzo Irace, rappresentante della Fondazione AdAstra. 

Video

Per la categoria giornalisti, Gianfranco Coppola caporedattore Rai è stato premiato da Alessandra Necco. Gian Paolo Porreca, giornalista e scrittore è stato premiato da Nicola De Lucia, presidente Assoartigiani Imprese Caserta

Marco Lobasso, giornalista editore, è stato premiato dal sindaco Manfredi. La giornalista Titti Improta è stata premiata da Vittorio Cantone, presidente onorario della Federazione AdAstra. Il giornalista Raffaele Auriemma è stato premiato da Roberto Massimo, segretario Usip Napoli. E infine il meritato premio alla carriera è stato consegnato al giornalista Rino Cesarano da Francesco Picarone, consigliere regionale e presidente commissione bilancio.

A chiusura lavori, l'intervento del segretario Uil Campania, Giovanni Sgambati, che ha ricordato la figura di Necco nel panorama nazionale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA