Il premio Mediterraneo 2024 alla neurologa napoletana Marina Melone

L'associazione Stati Uniti nel Mondo con il Premio Napoli assegna il riconoscimento a chi ha contribuito alla ricerca e alla pace

Il premio Mediterraneo 2024 alla neurologa napoletana Marina Melone
Il premio Mediterraneo 2024 alla neurologa napoletana Marina Melone
Mercoledì 29 Maggio 2024, 10:22 - Ultimo agg. 2 Giugno, 15:39
2 Minuti di Lettura

Il Segretario Generale degli Stati Uniti del Mondo e Presidente della Fondazione Mediterraneo presiedono la cerimonia di Assegnazione dei Premi mediterraneo 2024 a Salim M. AlMalik, Arata Isozaki, Giacomo Koch, Marina Melone, Pasquale Belfiore, Balkrishna Vithaldas Doshi, in presenza dei rappresentanti dei Paesi e delle Istituzioni partner del Premio Napoli. La cerimonia di premiazione si terrà il 3 giugno 2024 alle 11 al Museo della Pace – Mamt in Via Depretis, 130.

Nel 1996 gli "Stati Uniti del Mondo" e le sezioni autonome "Fondazione Mediterraneo" e "Accademia del Mediterraneo" hanno istituito il Premio Mediterraneo che annualmente viene assegnato a personalità del mondo politico, culturale, scientifico, sociale e artistico che hanno contribuito, con la loro azione, a ridurre le tensioni e ad avviare un processo di valorizzazione delle differenze culturali e dei valori condivisi nell’area del Grande Mediterraneo e nelle altre costituenti gli Stati Uniti del Mondo.

Il Premio Mediterraneo è considerato uno dei più prestigiosi riconoscimenti a livello internazionale.

Al Premio Mediterraneo sono associati vari eventi, quali il "Concerto Euro-Mediterraneo per il Dialogo tra le Culture" e il "Concerto per la Pace". 

Oltre 600 le personalità che hanno ricevuto dal 1996 al 2023 il riconoscimento: tra essi Capi di Stato e di Governo; premi Nobel; rappresentanti delle religioni; ministri e rappresentanti dei Governi; politici e diplomatici; rappresentanti delle istituzioni internazionali; istituzioni culturali, scientifiche, ambientali, pacifiste, e sociali; magistrati e forze dell’ordine impegnati nella tutela della legalità; scrittori, filosofi e poeti; uomini e donne di scienza; giornalisti, quotidiani e testate; architetti e ingegneri; artisti e musicisti; imprenditori, attori, registi, sceneggiatori ed altri. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA