Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Procida ritrova la sua festa alla ricerca della nuova Graziella

Domenica 24 Luglio 2022 di Stefano Prestisimone
Procida ritrova la sua festa alla ricerca della nuova Graziella

Va in scena ogni estate dal 1939 e quest'anno diventa una delle affascinanti storie della capitale della cultura 2022. È la serata dedicata alla Graziella procidana, simbolo di amore e purezza, con decine di ragazze che ogni anno ambiscono a reincarnarne il mito. «È l'evento di cui sono direttore artistico, che presento assieme a Tosca D'Aquino, e che riguarda la scelta e l'elezione di una ragazza speciale che possa incarnare la giovanissima Graziella, protagonista del romanzo dello scrittore francese Alphonse de Lamartine» sottolinea Gianni Simioli, a cui per la terza stagione consecutiva è stata affidata l'organizzazione della serata. Ospiti Valentina Stella, Claudia Megrè, Lda, La Niña, Francesco Cicchella. Dieci le ragazze in gara stasera a Marina Grande: Elisa Amalfitano, Anna Bilucaglia, Lucia De Girolamo, Soraya Forte, Benedetta Imputato, Jasmine Onorato, Fabiola Scotto di Fasano, Sara Spinelli, Miriam Tramontana, Dayana Visco. Domani la chiusura della Sagra del Mare con il concerto di Arisa, sempre in piazza a Marina Grande.

Tra gli esponenti più eminenti del romanticismo francese, Lamartine raccontò nel 1849, all'interno della raccolta Confidences questo struggente amore giovanile per la giovane isolana Graziella, nipote di un pescatore, semplice e romantica. Dopo le tante promesse, il giovane scrittore tornò improvvisamente in patria e la dimenticò. E tutto ciò portò Graziella alla malattia e alla morte. Lamartine fu in Italia, e in particolare a Napoli e Procida, nel 1811 e nel 1812. Poi ci tornò nel 1844, in compagnia della moglie. Il libro definitivo uscì nel 1952. 

«È una serata speciale per Procida e per i procidani, straordinariamente sentita da tutt'isola. Vista l'affluenza impressionante di turisti in questi mesi, ci aspettiamo un grande pubblico e c'è mobilitazione di forze dell'ordine per la massima sicurezza», prosegue Simioli: «Per me è il terzo anno di direzione artistica della Sagra del mare ma il primo a Marina Grande. Sono partito nel 2020, terribile anno del Covid. Facemmo quell'edizione a Terra Murata in condizioni complicate. Ma aver avuto la forza di non fermarsi, grazie soprattutto al sindaco Ambrosino, ha giovato tanto a questo evento che è il più identitario dell'isola». 

 

Oltre all'elezione della Graziella, c'è una ricca serata di musica e spettacolo. «Sarà dedicata alle donne e nel solco della divulgazione della sana cultura popolare», aggiunge il direttore artistico, «grazie alla potenza di un canzoniere straordinario rivisitato da Valentina Stella, da Di Giacomo a Pino Daniele; da La Niña, al secolo Carola Moccia, che farà un omaggio a Concetta Barra, grande procidana che quest'anno avrebbe compiuto 100 anni: un momento a cui tengo tanto, per ciò che Concetta, meravigliosa rivoluzionaria, ha rappresentato per quest'isola: anche la Stella ha promesso una dedica a Concetta. E a questo proposito abbiamo in serbo una sorpresa, che non sveliamo». Che sia Peppe Barra l'ospite a sorpresa? Ci sarà anche un momento rock con Claudia Megrè, «cantante, compositrice e chitarrista napoletana che proporrà una ballad rock proprio dedicata a Procida», continua Simioli, «l'isola ha poche canzoni a lei dedicate e se resterò direttore artistico ho intenzione di lanciare un contest per la prossima edizione intitolato Una canzone per Procida: mi piacerebbe fosse fonte d'ispirazione per rapper e cantautori. Tra gli altri ospiti non vanno dimenticati Francesco Cicchella, con la sua ironia e bravura, e Lda, che per me è il vincitore morale di Amici: uno show popolare deve avere attenzione anche per i giovani e Lda è il meglio possibile».

Chiusura poi domani con Arisa. «Ma nella stessa serata ci sarà anche una napoletana come La Niña, che quindi farà il bis: ci tengo che ci sia sempre una presenza nostrana, per quanto Arisa, dopo Vasame di Gragnaniello, sia ormai una partenopea adotttiva». 

Ultimo aggiornamento: 25 Luglio, 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA