«Raccontare le eccellenze»,
Ansa sostiene la Campania che va

Ottaviano, Forcella, l'Agro Aversano, via Brin a Napoli. Lo storico regno del superboss della camorra Raffaele Cutolo, una delle zone del centro di Napoli nota per uno dei vari capitoli della guerra di camorra, la cosiddetta Terra dei Fuochi con i roghi tossici o la zona orientale simbolo di un'area di degrado? No, niente affatto. È la nuova segnaletica stradale delle eccellenze della Campania, un itinerario ideale a caccia dei territori virtuosi dove dal manifatturiero all'alimentare fino allo shipping si produce, esporta, crea occupazione.

«Raccontare le eccellenze», insomma, è l'obiettivo dell'ANSA che oggi, in collaborazione con il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, dove si è svolto l'evento che ha acceso i riflettori su una parte dei protagonisti di quella parte di Napoli e della Campania che viene invidiata in tutto il mondo. Non è scontato, ma quello che di buono c'è va raccontato oggi e soprattutto in vista di eventi che possono avere un grande richiamo d'immagine e di sviluppo, come le prossime Universiadi di luglio.

«ANSA - ha detto l'amministratore delegato Stefano De Alessandri - racconta il Paese da più di 70 anni e noi siamo qui pronti a lavorare insieme per lo sviluppo, sostenendo il territorio e le eccellenzè e il futuro del territorio può essere roseo, visto anche il primato di Napoli per creazione di start up. Il direttore dell'ANSA Luigi Contu ha sottolineato la capacità di trasformazione dell'Agenzia anche alla luce dell'innovazione digitale: 'Stiamo lavorando con l'autorevolezza di sempre e proponendo anche contenuti all'avanguardia».

La sfida è quella di raccontare sempre di più
«quanto di buono c'è attorno a noì, anche perchè la capillarità dell'ANSA permette di mettere in connessione e comunicazione il più piccolo tesoro del Comune più piccolo con il mondo intero». E, guardando al futuro, ecco le Universiadi, «un evento molto importante al di là del contenuto sportivo. E chi può raccontarlo meglio di noi?». Alle istituzioni è un approccio che piace. «Siamo molto contenti - dice il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris - che la principale agenzia di stampa italiana abbia deciso di puntare nel racconto di tante eccellenze della nostra città e della nostra Regione».



Per il vicepresidente della Giunta regionale, Fulvio Bonavitacola,
«abbiamo la pessima abitudine di pensare che fanno notizia solo le cose negative, ci raccontiamo male, molto peggio di quello che siamo e ci autoflagelliamo rendendoci molto meno competitivi delle altre realtà». Al forum l'esperienza di alcuni gruppi imprenditoriali diventati brand di successo. «L'informazione - sostiene Paolo Scudieri, amministratore delegato di Adler Plastic, con sede ad Ottaviano, stabilimenti in 21 Paesi del mondo e che progetta, sviluppa ed industrializza componenti e sistemi per l'industria del trasporto - ha una grande responsabilità. Una notizia data in un certo modo o in un altro può influenzare un investimento sul territorio», ha aggiunto il patron di Eccellenze Campane (il contenitore enogastronomico sorto nella periferia orientale). Mentre Manuel Grimaldi, amministratore delegato dell'omonimo gruppo imprenditoriale presente in 25 Paesi nel mondo, con 15mila dipendenti, pone l'accento sul termine «napoletanità». «Napoli è il centro delle nostre attività. Tutte le nostre aziende vengono governate da Napoli dove ci sono i dirigenti e i responsabili del gruppo che opera nel mondo».

E i giovani laureati all'Università assumono ruoli di responsabilità manageriale all'estero. Quello di Domenico Raimondo, presidente del consorzio di tutela mozzarella di bufala campana, è un grido d'allarme contro la disinformazione: 'Basta con i pregiudizi sulla nostra mozzarella. La mozzarella di bufala campana è sana e non è alla diossinà. In occasione del forum è stata cementata la collaborazione tra il Mann, guidato da Paolo Giulierini, e il commissario straordinario per le Universiadi, Gianluca Basile. Si ipotizza una mostra sullo sport nell'antichità, la disponibilità a prestare alcuni reperti museali da esporre. 'Ce la stiamo mettendo tutta - dice Basile - per una edizione dei Giochi che sarà tra le più partecipate di semprè. Vicino al bello anche il brutto della bomba esplosa davanti alla sua pizzeria. Gino Sorbillo annuncia: 'Ciò che mi è accaduto non mi fermerà. Anzi, ripartirò da questo episodio, con maggiore slancio, rimboccandomi le maniche'.
Sabato 2 Febbraio 2019, 17:41 - Ultimo aggiornamento: 02-02-2019 19:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP