Ri-Scatto: il progetto di Miniera per insegnare ai bambini la fotografia e la storia di Napoli

Martedì 28 Settembre 2021
Ri-Scatto: il progetto di Miniera per insegnare ai bambini la fotografia e la storia di Napoli

L’associazione Miniera ai Quartieri Spagnoli è da anni attiva sul territorio con interventi e progetti di promozione sociale e culturale che hanno lo scopo di difendere, diffondere e rivalutare la cultura e il territorio di Napoli, coinvolgendo i più giovani, protagonisti di oggi e di domani.

«Il nostro ultimo progetto ‘Ri-Scatto’ consiste nell’organizzazione di una serie di passeggiate fotografiche dedicate ai ragazzi dai 10 ai 14 anni: un modo per avvicinare i giovani al mondo della fotografia, ma soprattutto per guardare Napoli con occhi diversi, scoprendone bellezze e segreti, anche delle zone più marginali», spiegano Salvatore Iodice e Fabio De Rienzo, presidente e  vicepresidente di Miniera. «Accompagniamo i ragazzi tra i vicoli del loro quartiere, e poi anche in altri, per mostrargli le bellezze ed i segreti dei luoghi dove sono nati e cresciuti facendogliele fotografare ed imparare».

«Attraverso la doppia stimolazione, quella della vista, grazie alla fotografia, e quella uditiva, con le spiegazioni che man mano gli forniremo su storie e curiosità di Napoli, i ragazzi conosceranno e ricorderanno le bellezze ed il passato della loro città, imparando anche le tecniche di base della fotografia digitale ed analogica» prosegue la giornalista, e ultimo acquisto del collettivo Miniera, Giorgia Scognamiglio, che con De Rienzo ha ideato ed elaborato il progetto.

«Per farlo, abbiamo bisogno di acquistare macchine fotografiche usa e getta da distribuire ai bambini. La loro visione dei quartieri diventerà una mostra fotografica. Stiamo quindi cercando il sostegno economico di aziende che condividano con noi il progetto e la mission dell’associazione. Oltre alle agevolazioni fiscali che spettano in questi casi, chi ci supporterà nel progetto diventerà nostro sponsor e verrà pubblicizzato su tutti i nostri canali e ai nostri eventi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA