Santificazione Vincenzo Romano: composto inno in napoletano da un neomelodico

ARTICOLI CORRELATI
di Francesca Mari

TORRE DEL GRECO - L’inno in napoletano per la santificazione di Vincenzo Romano: il video toccante realizzato dal cantante Pino Santoro. C’è il riferimento ai marittimi, al corallo e, soprattutto, ai protettori di Torre del Greco: il Beato Vincenzo Romano, l’Immacolata Concezione e la Madonna dell’Arco. Nell’inno realizzato su richiesta dell’Unione Cattolica Operaia M.S.S. Dell’Arco di corso Umberto I dal neomelodico Pino Santoro è una vera preghiera che ha commosso il web ed è il primo inno in napoletano sul Beato. Il prossimo 19 maggio il Papa, durante il Concistoro, renderà pubblica la data ufficiale della Santificazione di Vincenzo Romano e di Papa Paolo VI che fu il pontefice che celebrò la beatificazione del parroco torrese. Per una piacevole combinazione i due religiosi saranno santificati insieme.
 

Toccante è il passaggio in cui spiega che Vincenzo Romano «O prevete faticatore», nato nel 1751 a Torre dl Greco, quel 15 giugno del 1774 mentre con altri devoti era intento a portare fino a Sant’Anastasia la statua della Madonna dell’Arco si è trovato di fronte alla catastrofica eruzione del Vesuvio. E’ stato lui, come è noto, a lavorare per la ricostruzione della Basilica di Santa Croce, la più importante della città.

«Teneva ‘o popolo pe’ ‘mmane comme a nu’ pate cu e’ figlie», dice l’inno, rivolgendosi al Beato, noto per essere stato sempre vicino al suo popolo e aver introdotto la pratica della “sciabica” e cioè l’evangelizzazione delle persone per strada. Ed altri riferimenti al Parroco Santo, così come alla devozione torrese per l’Immacolata ed anche per la Madonna dell’Arco.

«Torre Del Greco, città del corallo, città del mare e dei marittimi – scrive Pino Santoro - città con profonda devozione Mariana per la Patrona: l'Immacolata Concezione, e fedeli alla stessa Vergine sotto titolo Dell'Arco, anno 2018 la città esprime la gioia immensa della Santificazione del già Beato Vincenzo Romano, parroco servo di Dio e cittadino Torrese.  L'U.C.O. M.S.S. Dell'Arco di corso Umberto I, in Torre Del Greco invoca ed esprime il suo amor Cristiano onorandomi di scrivere ed interpretare questo racconto, succo di cuore della città vesuviana».
Mercoledì 16 Maggio 2018, 15:03 - Ultimo aggiornamento: 16-05-2018 15:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP