Scavi di Ercolano, i laboratori dei restauri aperti al pubblico ​dal 5 al 10 marzo

Dal 5 al 10 marzo, nell'ambito della Settimana dei Musei promossa dal Mibac ad ingresso gratuito, turisti e visitatori che si recheranno al Parco archeologico di Ercolano potranno assistere anche alle operazioni di restauro di un dipinto murale all'interno dell'Antiquarium. In un laboratorio dal vivo, infatti, i visitatori osserveranno il riaffioramento delle pennellate originali di due frammenti di pittura appartenenti molto probabilmente all'apparato decorativo di Villa dei Papiri, riscoperti nell'ambito delle campagne di riordino dei depositi e ritrovati nel corso degli scavi del 1996-98. I frammenti - spiegano dal Parco - potrebbero essere riferiti al II stile ed essere stati dipinti tra il 50 e il 25 a.C. Pareti con pitture di questa fase sono presenti ad Ercolano prevalentemente nell'area della Villa dei Papiri e delle dimore più prestigiose i cui proprietari volutamente non avevano aggiornato le decorazioni alla moda in auge al momento dell'eruzione del Vesuvio. I frammenti che si restaureranno sono ricoperti da depositi che ne offuscano i colori originali, per cui la scelta è stata maturata dal desiderio di poter recuperarne la cromia.

Alle operazioni di restauro si potrà assistere per l'intera durata della Settimana dei Musei, dal 5 al 10 marzo dalle 13.30 alle 15.30. Martedì 5 marzo, inoltre, giorno di Carnevale, personale della Proloco Hercvlanevm accoglierà turisti in visita al Parco in tipici abiti carnevaleschi provenienti dalla Cooperativa Mercato di Resina e offriranno loro dolci tipici della festività.

«Il Parco anche attraverso questa iniziativa condivisa con realtà radicate nel territorio intende mettere in rilievo i tanti valori culturali e tradizionali che concorrono all'identità di Ercolano», dice il direttore del Parco archeologico Francesco Sirano «Identità non limitata al dato archeologico ma estesa ai tanti aspetti che dimostrano la persistente vitalità dei luoghi e la resilienza del contesto sociale che nel secolo scorso seppe reagire con fantasia e iniziativa ad un dramma di portata forse anche più grande dell'eruzione che nel 79 d.C. distrusse Ercolano romana quale la Seconda Guerra Mondiale».

Le iniziative di apertura al pubblico proseguiranno anche l'8 marzo quando, in occasione della Festa internazionale della Donna, i visitatori dalle 10.30 alle 12.30 e dalle 13.30 alle 15.30 potranno assistere nell'Antiquarium al laboratorio di oreficeria “Bellezza senza tempo al Parco archeologico di Ercolano” tenuto da Nunzia Laura Saldamacchia, archeologa specializzata nello studio degli ornamenti antichi, che illustrerà il processo di lavorazione artigianale di gioielli moderni ispirati agli esemplari antichi esposti in mostra.
Sabato 2 Marzo 2019, 13:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP