Pompei, indagine sulla scritta: «La data dell'eruzione resta dubbia»

ARTICOLI CORRELATI
di Carlo Avvisati

  • 110
Metti una scritta con il carboncino. Aggiungi che la frase è in latino. Considera che è stata trovata a Pompei su una parete delle «casa con il giardino», una di quelle che si stanno riportando alla luce nelle Regio V, su quell'area detta del «cuneo» che affaccia sulla Via di Nola. Fai tradurre a un epigrafista d'eccellenza come Antonio Varone quanto riportato sull'intonaco e cioè «XVI (ante) K (alendas) Nov (embres) in ulsit pro masumis esurit » ovvero «il 17 ottobre lui indulse al cibo in modo smodato» ed ecco che il giallo è servito. Quella data, secondo il direttore generale del Parco archeologico di Pompei, Massimo Osanna, riposizionerebbe nel tempo il giorno dell'eruzione con la quale il Vesuvio distrusse Pompei, Ercolano, Stabiae e Oplontis. Non più dunque il 24 agosto del 79 dopo Cristo, come si era sempre detto, bensì il 24 ottobre dello stesso anno.

I codici di Plinio riportano tutti «nonum kalendas semptember», ovvero «nove giorni prima delle calende di settembre», tranne uno che annota «nonum kalendas november»: nove giorni prima delle calende di novembre. I filologi hanno sempre optato per settembre. «Calenda» era il primo giorno del mese. Il conto va fatto all'indietro. Dunque nove giorni prima dell'uno settembre cade il 24 agosto. Identico ragionamento per la frase successiva e cioè «nove giorni prima delle calende di novembre» ossia il 24 ottobre. La scritta scoperta recita «sedici giorni prima delle calende di novembre» e dunque vale il «17 di ottobre». In quel giorno, quello che certamente non era un semplice operaio. forse uno dei maestri decoratori che lavoravano sulla parete della stanza accanto, vergò la frase.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 18 Ottobre 2018, 12:00
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP