La Schola Armaturarum di Pompei riapre ma senza custodi: restauratori ciceroni

ARTICOLI CORRELATI
di Susy Malafronte

Il 6 novembre 2010 con il crollo della Schola Armaturarum il mondo divenne consapevole della fragilità di Pompei. Oggi, a distanza di 8 anni e due mesi, la Schola Armaturarum riapre al pubblico e il mondo tira un sospiro di sollievo. Il cerchio si chiude: la Schola Armaturarum da simbolo della città che crolla è diventata il simbolo della rinascita della Pompei romana. Ma per il sito non ci sono custodi: le visite saranno possibili soltanto di giovedì, per gruppi contingentati di persone. sorvegliati non dagli addetti alla vigilanza ma dai restauratori.«Èil primo passo verso un più articolato progetto di fruizione e di musealizzazione - spiega il direttore generale Massimo Osanna - esteso anche ai vani retrostanti, che consentirà di vedere i dipinti e gli oggetti nel loro luogo di ritrovamento».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 3 Gennaio 2019, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 03-01-2019 12:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP